Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Progetto stradale e naturalistico in provincia di Latina

La tesi di laurea descrive, dopo un’attenta analisi Istat, una carenza stradale nel tratto Cisterna di Latina-Norma, la progettazione del vano stradale, è completata anche attraverso la riqualificazione paesaggistica attraverso un parco naturalistico.Vedi il sito www.poliarch.it andando alla sezione portfolio

Mostra/Nascondi contenuto.
ASPETTI E CARATTERI DELL'AREA DI STUDIO Dalle pendici dei Colli Albani, fino ai promontori del Monte Circeo e di Terracina si estende il comprensorio della Pianura Pontina,che si affaccia sul Tirreno con una costa dunosa a grandi falcature e con frequenti laghi costieri,chiusa a sud-est dai Monti Lepini ed Ausoni,che ne segnano un bordo netto e significativo. Antico golfo marino,la pianura emerse nel quaternario in forma di grande piattaforma;essa è alquanto piu' rilevata nella zona prossima al mare,dove i cordoni delle dune racchiudevano ampi specchi lagunari,e piu’ depressa nella fascia interna ai piedi dei Monti Lepini ed Ausoni.Lenti movimenti di innalzamento ed abbassamento dello zoccolo costiero produssero ingressioni e trasgressioni del mare,mentre il gioco delle correnti ne modellava i cordoni delle dune costiere.Mentre le zone piu' rilevate,sia di pianura che del sistema montagnoso Lepini-Ausoni,ospitano una fitta vegetazione mediterranea,quelle piu' depresse ai piedi dei rilievi furono coperte da stagni e paludi fino a pochi decenni fa'. La storia geografica della grande piana è legata ai tentativi di bonifica che,iniziati nel XVI secolo,soltanto nel terzo decennio del nostro secolo sono arrivati a compimento:essi hanno portato alla totale trasformazione,in una fertilissima pianura odierna,uno dei difficili paesaggi naturali d'italia. La bonifica riguardo' 134.000 ettari perchè,oltre ai terreni dell'Agro pontino (76.000 ettari) furono recuperati all'agricoltura anche una consistente fascia dell'Agro Romano (57.000 ettari).La decisiva rinnovazione geografica,da cui è nato l'attuale comprensorio pontino,ha poi determinato un ridisegno totale dell'ambiente 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Architettura

Autore: Antonio Merola Contatta »

Composta da 42 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1712 click dal 12/09/2007.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.