Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La protezione giuridica delle invenzioni biotecnologiche

La protezione giuridica delle invenzioni biotecnologiche è disciplinata in ambito comunitario dalla direttiva 98/44/CE del Parlamento europeo e del Consiglio dell'Unione europea. Pur riconoscendo la necessarietà di un brevetto in ambito della ricerca genetica, rimane ancora in discussione quale sia il limite alla brevettabilità della materia vivente.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione: In base all’esperienza svoltasi negli ultimi venti anni nel quadro dell’Unione europea, in questo studio ho cercato risposte al quesito sulla necessità di una protezione giuridica delle invenzioni biotecnologiche, in particolare nel campo dell’ingegneria genetica 1 , e se la direttiva 98/44/CE del Parlamento europeo e del Consiglio dell’Unione Europea sulla protezione giuridica delle invenzioni biotecnologiche (di seguito: Direttiva) 2 offra una garanzia sufficiente, viste le implicazioni di ordine etico che la materia presenta, specie in relazione ai diritti fondamentali della persona umana, come il diritto alla salute, il divieto di mercificazione dell’essere umano, e al dovere di non danneggiare la natura e l’ambiente in modo irreversibile. In effetti, le principali questioni legate alle difficoltà d’applicazione della Direttiva, riguardano proprio la problematica legata alla brevettazione della materia vivente di origine umana, considerata lesiva del diritto fondamentale della dignità dell’essere umano, valore considerato fondamentale e inviolabile dalla Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea 3 . La Corte di Giustizia delle Comunità Europee è intervenuta nel 2001, deliberando la legittimità della Direttiva e la sua conformità ai Trattati internazionali esistenti nel settore delle biotecnologie. D’altra parte, mi piace ricordare quando Stefano Rodotà, nel suo ultimo saggio “La vita e le regole” 4 , sottolinea come sempre più spesso s’invoca l’intervento del diritto, in una law-satured society, ovvero in una società strapiena di diritto, invadente in troppi settori e tuttavia assente là dove più se ne avvertirebbe il bisogno. 1 L'ingegneria genetica può essere definita come una tecnica volta a introdurre modifiche nella molecola del DNA di un organismo vivente senza l'intervento di mezzi naturali di riproduzione. Michel Breuil, « Dictionnaire des sciences de la vie et de la terre », Nathan, pag. 212. 2 In allegato. 3 Il 7 dicembre 2000, a Nizza, veniva proclamata solennemente e congiuntamente da tre istituzioni europee, il Parlamento europeo, il Consiglio dell'Unione europea e la Commissione europea. in G.U.C.E. n.C364 del 18/12/2000. La Carta è stata inserita integralmente nella prima parte del Trattato che adotta una Costituzione per l’Europa. 4 Stefano Rodotà, “La vita e le regole”, Feltrinelli, 2006, Milano. Stefano Rodotà è professore ordinario di Diritto Civile nell’Università di Roma “La Sapienza”; è stato presidente del Garante per la protezione dei dati personali e del Gruppo europeo dei Garanti per la privacy, ha fatto parte del Gruppo europeo per l’etica delle scienze e delle nuove tecnologie. È tra gli autori della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea.

Tesi di Specializzazione/Perfezionamento

Autore: Rossella Maresca Contatta »

Composta da 45 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1813 click dal 15/01/2007.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.