Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'impatto economico locale di una grande funzione urbana: il centro congressi. Il caso di Milano.

La realizzazione di un centro congressi è un tema molto attuale per una città che, come Milano, aspiri ad un rango di livello superiore in Europa.
Infatti, per raggiungere tale posizione è ormai indispensabile la presenza di alcune grandi funzioni urbane fondamentali: università, biblioteche, centri commerciali e direzionali, fiera e, per l’appunto, un centro congressi.
Questa tesi analizza dapprima le principali caratteristiche del turismo congressuale.
Prosegue poi con un'analisi di due casi di centri congressi esteri: l'ICC di Birmingham e il CNIT di Parigi.
L'ultima parte è dedicata a Milano, con l'esame della situazione attuale e delle esigenze riscontrate, a cui segue la descrizione degli effetti economici locali della realizzazione di un centro congressi in città.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione La realizzazione di un centro congressi è un tema molto attuale per una città che, come Milano, aspiri ad un rango di livello superiore in Europa. Infatti, per raggiungere tale posizione è ormai indispensabile la presenza di alcune grandi funzioni urbane fondamentali: università, biblioteche, centri commerciali e direzionali, fiera e, per l’appunto, un centro congressi. L'importanza delle grandi funzioni urbane, che si proiettano su un’area internazionale, è stata enfatizzata dai recenti processi di globalizzazione e di integrazione economica e politico-istituzionale: tali processi, infatti, hanno assegnato un ruolo strategico ai luoghi in cui sono localizzate le funzioni di punta. Questo non poteva che favorire le aree metropolitane, categoria alla quale Milano e il suo intorno appartengono di diritto. Bisogna perciò sfruttare al meglio quest’opportunità, “pianificare per competere” 1 , migliorando o aggiungendo le funzioni di punta per catalizzare la crescita, integrandole con i fattori prettamente locali che possano contribuire a creare e accrescere un vantaggio competitivo, in modo da sostenere la competizione globale con le altre aree metropolitane. Il mercato congressuale è uno dei fattori significativi in questo senso. È, infatti, di nascita recente, ma ha avuto ritmi di sviluppo tali da farlo ben presto diventare un importante fattore sia dal punto di vista economico sia da quello sociale: ha registrato negli ultimi decenni una crescita superiore ad ogni altro settore di produzione di beni o servizi. Come fattore economico ha creato nuove professioni, posti di lavoro e ricchezza; come fattore sociale ha permesso l’avvicinamento di intere

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Alessia Francesca Spairani Contatta »

Composta da 316 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3310 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 23 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.