Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La legittima difesa nel progetto elaborato dalla commissione Nordio

Nel lavoro affidatomi ho analizzato l' evoluzione della difesa legittima nei vari progetti di riforma succedutisi in questi anni con particolare riferimeto al progetto elaborato dalla commissione Nordio senza trascurare una analisi sulla nuova legittima difesa c.d. domiciliare. In particolare ho posto la mia attenzione sul requisito che tradizionalmente è considerato il piu' importante e dibattuto della sriminante: la proporzione. Tutto ciò nel costante sforzo di recepire i più importanti orientamenti dottrinali giurisprudenziali.

Mostra/Nascondi contenuto.
«La difesa legittima si applica anche ai diritti patrimoniali, che possono essere difesi, purchè sussista la proporzione tra il danno che si potrebbe subire e la reazione posta in essere, anche con atti violenti. E’, tuttavia, necessario che quel comportamento costituisca l’unico mezzo per impedire l’aggressione al patrimonio e non rappresenti, invece, l’attuazione di una ritorsione. (Fattispecie relativa all’esplosione di alcuni colpi con arma da fuoco, regolarmente detenuta, da un tabaccaio in reazione ad una rapina allo scopo di impedire la fuga dei malviventi) ». (*) Cassazione penale, sez.V, 14.03.2003, n. 20727 (dep. 12.05.2003). Pres. Marrone, Relatore Fumo, P.M. Abbate; ric. Fratini e a. (*) Massima pubblicata in Riv. Pen. , 2003, 1079.

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Simone Gambardella Contatta »

Composta da 65 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2527 click dal 22/01/2007.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.