Skip to content

Uso della comicità in pubblicità, un'analisi dell'impatto sullo spettatore

Informazioni tesi

  Autore: Elena Roma
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1996-97
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia del lavoro e delle organizzazioni
  Relatore: Felice Perussia
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 297

Ci sono diversi metodi per creare uno spot che funzioni, il migliore rimane in ogni caso quello di dire “cosa” differenzia il nostro prodotto dagli altri, il suo punto forte. Anche in questo senso ci sono molti modi per comunicarlo ed uno di questi è l’uso della comicità.
Una pubblicità per essere recepita deve innanzi tutto essere guardata.
Lo scopo di una comunicazione pubblicitaria è quello di proporre il proprio mondo come reale: fare in modo che il consumatore condivida le immagini, le parole ed i valori che in 30 secondi trasmette. Creare un buono spot è difficile ma se si presta attenzione ad un filmato, c’è qualche possibilità in più che il mondo di significati siano percepiti, accettati e magari associati al prodotto.
Proporre divertimento non solo attira l’attenzione, ma permette di instaurare una relazione ludica e amichevole con il consumatore. Se l’obiettivo di una comunicazione è di riuscire a suscitare una reazione positiva verso il prodotto, la reazione positiva più tangibile è il sorriso. Uno spot comico regala un’emozione positiva richiedendo poco impegno, diverte e intrattiene. Allora come usare la comicità negli spot?La ricerca, di tipo qualitativo si basa su un campione di 30 soggetti. È stata condotta tra aprile e maggio 1997, in collaborazione con il Professor Felice Perussia, esperto in ricerche di mercato. Si sono svolti dei colloqui con oggetto la comicità percepita negli spot. Dire che cos’è la comicità è molto difficile anche perché non è un oggetto che esiste in assoluto, ma la sua definizione dipende dalla persona che percepisce quel particolare tipo di comicità. Se si considerano i diversi fenomeni comici una realtà oggettiva, si può tentare di farne una classificazione differenziandoli su come sono costruiti, come hanno fatto molti autori, un’attenzione particolare, a questo proposito, merita Gian Pietro Calasso (1992).
L’autore analizza le espressioni del comico dividendole in due categorie: il comico casuale e quello volontario o intenzionale. Questa classificazione è stata utilizzata come base per suddividere la comicità percepita dagli intervistati nella ricerca condotta nel 1997. La suddivisione del fenomeno comico è stata utile, ai fini della ricerca, perché ha permesso di oggettivare la comicità percepita dagli intervistati negli spot televisivi inserendola in precise categorie, ma è anche interessante perché può aiutare nella creazione di una sequenza comica.
Il primo tipo di comicità è quella involontaria che si divide in due grosse categorie: il buffo e il ridicolo. In entrambi i casi si tratta di un fenomeno che scaturisce senza che l’attore lo programmi, è caratterizzato da un’incongruità di un comportamento o di un oggetto rispetto alla norma, una stranezza. Queste due espressioni comiche si differenziano fra loro perché si ride del buffo in maniera spensierata, mentre il ridicolo ha una connotazione di disprezzo, che conferisce una funzione penalizzante ed educativa dell’oggetto ridicolizzato. La seconda tipologia di fenomeno comico ipotizzata da Calasso è la comicità intenzionale o volontaria si divide in due sottogruppi: la spiritosaggine e l’umorismo. La spiritosaggine, che può usare la tecnica del paradosso o del gioco di parole, consiste nel ridicolizzare in modo bonario uno o più soggetti usati come terzi, nell’umorismo invece l’attore prende in giro se stesso.
Questi due gruppi di comicità involontaria e volontaria includono molti
altri fenomeni comici. Ma torniamo alla ricerca.
Quale tipo di comicità preferisce il pubblico?
Gli spot che sono stati definiti comici dagli intervistati sono stati molti, tra i più citati le scenette in paradiso del caffè Lavazza, quelle della Telecom, ambientate in un fortino e lo spot dei chewing-gum Vigorsol che rappresentava l’estrazione di un biglietto della lotteria.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione In questa tesi il mio obiettivo è quello di studiare la rappresentazione del pubblico nei confronti della pubblicità e nello specifico delle pubblicità comiche. Concretamente questo obiettivo è stato tradotto nella formulazione di una ricerca a carattere qualitativo. Trovo particolarmente interessante analizzare l'idea della pubblicità per il consumatore attraverso lo studio della definizione e delle funzioni che le vengono attribuite, delle tipologie percepite, di quali tipi di spot vengono ricordati, di come potrebbero essere cambiate le pubblicità. L'ottica dalla quale mi sono posta è stata, in particolare, lo studio dell'uso della comicità in pubblicità. Questo scritto si compone di due parti: nella prima espongo una breve rassegna bibliografica sulla pubblicità e sulla comicità, capitolo primo e secondo, nella seconda parte, capitolo terzo, quarto e quinto, espongo la ricerca.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

comicità
pubblicità
spot pubblicitari

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi