Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Gli eventi aggregativi a Genova

Genova ha avuto una grande decadenza economica alla fine degli anni ’70, quando le grandi strutture produttive iniziarono a smantellarsi. Questo ha inciso sia sul turismo d’affari che sulla demografia della città: si è passati da 848.121 residenti nel 1965 a 604.732 nel 2003 (ultimo dato disponibile).
Il fattore turismo qui più che in altre città era legata alle attività economiche.
Tra la fine del 1900 e l’inizio del nuovo millennio, Genova si è come trasformata, ristrutturando aree dismesse come Sampierdarena e Genova Campi. Sono sorti molti insediamenti commerciali e residenziali.
Con la costruzione di tutto ciò la crisi occupazionale è andata via via riducendosi arrivando nel 2004 al tasso di 7,2% sempre più vicino alla media dell’Italia del Nord-Ovest.
Molto importante per la rivitalizzazione di Genova è stato il recupero del Centro Storico con il recupero di unità abitative di molti edifici degradati e il rifacimento della pavimentazione, il recupero dei rivi sotterranei, la costruzione di parcheggi e il prolungamento della metropolitana.
Come verrà analizzato più avanti, Genova ha una sviluppatissima offerta congressuale. Già negli anni ’60, Genova poteva ospitare eventi di medie dimensioni grazie alla Fiera Internazionale, vennero poi restaurati i saloni del Palazzo Ducale, e i Magazzini del Cotone vennero adibiti a Centro Congressi.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione Genova ha avuto una grande decadenza economica alla fine degli anni ’70, quando le grandi strutture produttive iniziarono a smantellarsi. Questo ha inciso sia sul turismo d’affari che sulla demografia della città: si è passati da 848.121 residenti nel 1965 a 604.732 nel 2003 1 (ultimo dato disponibile). Il fattore turismo qui più che in altre città era legata alle attività economiche. Tra la fine del 1900 e l’inizio del nuovo millennio, Genova si è come trasformata, ristrutturando aree dismesse come Sampierdarena e Genova Campi. Sono sorti molti insediamenti commerciali e residenziali. Con la costruzione di tutto ciò la crisi occupazionale è andata via via riducendosi arrivando nel 2004 al tasso di 7,2% 2 sempre più vicino alla media dell’Italia del Nord-Ovest. Molto importante per la rivitalizzazione di Genova è stato il recupero del Centro Storico con il recupero di unità abitative di molti edifici degradati e il rifacimento della pavimentazione, il recupero dei rivi sotterranei, la costruzione di parcheggi e il prolungamento della metropolitana. Come verrà analizzato più avanti, Genova ha una sviluppatissima offerta congressuale. Già negli anni ’60, Genova poteva ospitare eventi di medie dimensioni grazie alla Fiera Internazionale, vennero poi restaurati i saloni del Palazzo Ducale, e i Magazzini del Cotone vennero adibiti a Centro Congressi. 1 Cfr. Istituto Geografico De Agostini, Calendario Atlante 2005, Novara, 2004 2 Cfr. www.ge.camcom.it

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Mariangela Vaser Contatta »

Composta da 43 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 947 click dal 17/01/2007.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.