Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Cause e prevenzione della devianza giovanile

La questione della devianza giovanile è diventato un problema di natura sociale. Attraverso programmi di prevenzione primaria riusciremmo a diminiuire iltasso della criminalità. .

Mostra/Nascondi contenuto.
3 1. Adolescenza, Devianza e Disturbo di personalità 1.1 Adolescenza e Devianza Da molti anni si sta assistendo ad un rapido aumento della criminalità; il crimine è considerato per eccellenza il prototipo della devianza, ossia quel insieme di comportamenti che violano le norme vigenti in un determinato contesto sociale e storico. Alcuni comportamenti devianti si caratterizzano per un elevato grado di impulsività ed irresponsabilità, caratteristiche che ben si sposano con la fase adolescenziale; infatti molto spesso certe manifestazioni devianti sono opera di adolescenti. Il rapporto tra devianza ed adolescenza è diventato, da qualche decennio, un problema di natura sociale, anche perché quest’ultimi sono molto spesso sia vittime sia autori di reati. Tuttavia è opportuno operare una distinzione tra la fisiologica tendenza alla trasgressione in adolescenza e comportamenti più propriamente devianti che arrestano e/o ostacolano un armonico sviluppo psico-affettivo; si potrebbe ipotizzare che esiste quasi una sorta di vincolo tra il termine adolescenza e il termine trasgressività dato che il compito dell’adolescenza è risignificare in modo personale le regole internalizzate nell’infanzia. Un punto fondamentale di partenza è rendersi conto che nella nostra epoca, rispetto al passato, è cambiata la percezione della trasgressività tra gli adolescenti. I diversi fattori di rischio, predittivi della devianza minorile, risultano maggiormente connessi ad uno stato di disagio psichico evolutivo, meno agganciato a situazioni di disagio economico e familiare, seppur presente (Scardaccione, G., 2006). I diversi comportamenti trasgressivi, quali il mentire, il rubare, l’aggredire, il distruggere, lo spacciare ed infine i reati di gruppo, devono essere letti e recuperati nel loro significato soggettivo ed evolutivo della trasgressione stessa – mettendo in risalto la realtà esterna ed interna, attuali, senza ovviamente trascurare la storia personale dell’adolescente e la qualità dei suoi legami affettivi originari – ed inoltre

Tesi di Master

Autore: Viviana Chianello Contatta »

Composta da 89 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 28312 click dal 17/01/2007.

 

Consultata integralmente 17 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.