Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'Urss dalla perestrojka al crollo

La tesi descrive le riforme economiche portate avanti da Gorbaciov durante la perestrojka ed i loro effetti sul sistema economico sovietico. L'analisi parte dalle caratteristiche del sistema economico sovietico, per poi passare alla descrizione delle condizioni economiche dell'Urss alla vigilia della perestrojka, e chiudersi con l'analisi degli effetti di queste riforme sul sistema economico sovietico fino alla sua distruzione.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione “Sono passati vent’anni ma il bilancio sulla perestrojka è ancora difficile, perché è fatto di luci e di ombre. Sbaglia chi dice soltanto che la perestrojka è fallita. Non è onesto e non è vero. In fondo quella politica ha cambiato il mondo, che sarebbe migliore se avessimo avuto più tempo. La perestrojka è stata una grande occasione. Un’occasione colta solo in parte e per il resto bruciata.” Parla così oggi Mikhail Gorbaciov, il padre della glasnost e della perestrojka - “trasparenza” e “ristrutturazione”- che arrivò al Cremlino l’11 marzo 1985 portando all’ Urss democrazia e libertà nei sei anni che sconvolsero il mondo 1 . Il collasso dell’Urss è stato uno degli eventi storici più importanti del secolo scorso alle cui conseguenze è ancora difficile pervenire; identificarne la causa, o le cause, ancora oggi costituisce oggetto di lunghi dibattiti e di numerose ipotesi. Al suo crollo è seguita un’ondata di abiure, autocritiche e mea culpa su scala mondiale. Si è prodotta una letteratura vasta, rumorosa e per nulla originale, la quale consiste sostanzialmente in infinite variazioni su due temi fissi: "Ve l’avevamo detto che il comunismo era un regime criminale, non poteva che finire così!" (liberali borghesi, destra, anticomunisti tradizionali). "Come ci siamo sbagliati, è orribile tutto questo, ma ora giuriamo di aver imparato la lezione e non oseremo mai più contestare il capitalismo e il libero mercato!" (ex comunisti, socialdemocratici, progressisti di vari colori). A sedici anni dall’89 siamo oggi di fronte a un fatto evidente: la storia delle rivoluzioni comuniste del ‘900 - tra le quali vanno comprese anche quelle che non sono state spazzate via dall’ondata 1 La Repubblica, 25/03/2005, p. 48.

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Alfredo De Giorgi Contatta »

Composta da 208 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4080 click dal 18/01/2007.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.