Skip to content

La relazione tra infermiere e persona malata: il nodo strategico della professione

Informazioni tesi

  Autore: Marco Rusin
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi di Padova
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Scienze dell'Educazione
  Relatore: Francesco Luchi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 79

Ho svolto il tirocinio universitario presso il CEREF (Centro di Ricerca e Formazione) di Padova, ente che organizza corsi di formazione e di aggiornamento professionale per il personale sanitario, in particolar modo per quello infermieristico. Come assistente di corso ho avuto l’opportunità di entrare in contatto con molti degli infermieri frequentanti i corsi offerti dall’ente, raccogliendone le esperienze, le storie, i vissuti, i problemi. Sono stato in proposito colpito dal fatto che molti di loro, a prescindere dall’area sanitaria di provenienza, confessavano di sentirsi “a disagio” nei confronti del malato perchè “carenti” non tanto sul piano tecnico-assistenziale e clinico-biologico, oggi quanto mai curato dalla loro formazione iniziale e in servizio, quanto per l’aspetto comunicativo-relazionale, ossia in ordine a quel rapporto interpersonale con il paziente che da sempre qualifica le professioni terapeutiche, ma che in tempi a noi più vicini è forse stato messo in ombra. Da qui è nato l’intento di approfondire nel mio lavoro di tesi quale significato e rilievo assuma nel quotidiano lavoro dell’infermiere il “rapporto umano” con la persona malata e, in riferimento a tale quadro, quali siano le condizioni ideali che dovrebbero qualificare tale relazione e, quindi, di che natura debbano essere le relative competenze comunicativo-relazionali.
Alla luce di tali intenti ho articolato la mia riflessione in tre capitoli. Nel primo ho cercato di ricostruire i paradigmi culturali che fondano la medicina moderna, quella che affonda le sue radici nel '600 e che solo negli ultimi decenni ha visto incrinare il suo modello biomedico da quello di stampo umanistico. E’ con riferimento a tale cornice di fondo e alla relativa svolta maturata di recente che ho evidenziato le implicazioni riscontrabili nei modi di intendere ed attuare la professione dell’infermiere, soffermandomi in particolare sul nursing infermieristico, un modello di assistenza che condensa in sé l’odierno richiamo ad un approccio olistico e personalizzato al malato, al suo modo di vivere e sentire la malattia, alle sue interne risorse terapeutiche.
Nel secondo capitolo ho tentato di mettere in luce come in tale approccio assistenziale umanizzante ed empowerizzante assuma un ruolo assolutamente cardine il rapporto intersoggettivo tra infermiere e malato, un incontro di persone che può trovare il suo archetipo fattuale e assiologico nella relazione d’aiuto. Proprio in riferimento alle specifiche connotazioni che quest’ultima assume nell’assistenza infermieristica, ho quindi analizzato le principali dinamiche psichiche ed esistenziali che essa mobilita, nonché gli atteggiamenti ideali con cui l’infermiere dovrebbe gestirla.
Il terzo e ultimo capitolo entra nel merito di quei comportamenti comunicativo-relazionali necessari a sostanziare concretamente e idealmente la relazione d’aiuto implicata nella prassi del nursing. In particolare il riferimento va alle capacità d’ascolto attivo e di comunicare in modo assertivo quali competenze cardine dell’agire e della professionalità dell’infermiere.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE Ho svolto il tirocinio universitario presso il CEREF (Centro di Ricerca e Formazione) di Padova, ente che organizza corsi di formazione e di aggiornamento professionale per il personale sanitario, in particolar modo per quello infermieristico. Come assistente di corso ho avuto l’opportunità di entrare in contatto con molti degli infermieri frequentanti i corsi offerti dall’ente, raccogliendone le esperienze, le storie, i vissuti, i problemi. Sono stato in proposito colpito dal fatto che molti di loro, a prescindere dall’area sanitaria di provenienza, confessavano di sentirsi “a disagio” nei confronti del malato perchè “carenti” non tanto sul piano tecnico-assistenziale e clinico- biologico, oggi quanto mai curato dalla loro formazione iniziale e in servizio, quanto per l’aspetto comunicativo-relazionale, ossia in ordine a quel rapporto interpersonale con il paziente che da sempre qualifica le professioni terapeutiche, ma che in tempi a noi più vicini è forse stato messo in ombra. Da qui è nato l’intento di approfondire nel mio lavoro di tesi quale significato e rilievo assuma nel quotidiano lavoro dell’infermiere il “rapporto umano” con la persona malata e, in riferimento a tale quadro, quali siano le condizioni ideali che dovrebbero qualificare tale relazione e, quindi, di che natura debbano essere le relative competenze comunicativo-relazionali. Alla luce di tali intenti ho articolato la mia riflessione in tre capitoli. Nel primo ho cercato di ricostruire i paradigmi culturali che fondano la medicina moderna, quella che affonda le sue radici nel '600 e che solo negli ultimi decenni ha visto incrinare il suo modello biomedico da quello di stampo umanistico. E’ con riferimento a tale cornice di fondo e alla relativa svolta maturata di recente che ho evidenziato le implicazioni riscontrabili nei modi di intendere ed attuare la professione dell’infermiere, soffermandomi in particolare sul nursing infermieristico, un modello di assistenza che condensa in sé l’odierno richiamo ad un approccio olistico e personalizzato al malato, al suo modo di vivere e sentire la malattia, alle sue interne risorse terapeutiche. Nel secondo capitolo ho tentato di mettere in luce come in tale approccio assistenziale umanizzante ed empowerizzante assuma un ruolo assolutamente cardine il rapporto intersoggettivo tra infermiere e malato, un incontro di persone che può trovare il suo archetipo fattuale e assiologico nella relazione d’aiuto.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

aiutare ad aiutarsi
analisi transazionale
autosabotaggio
burn-out
competenze comunicativo-relazionali
comunicazione
counselling
educazione
educazione continua medicina
empatia
empowerment
formazione
infermiere
long life education
malato
malattia
meccanismi di difesa
metodi didattici
modello umanistico
nursing
paziente
processi mentali
psicologia del malato
relazione d'aiuto

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi