Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La pubblicità mitica

Oggetto della mia tesi di laurea è l'analisi della pubblicità mitica. Per avere gli strumenti necessari alla scelta di alcune immagini pubblicitarie da analizzare, il mio percorso parte da una breve storia della pubblicità. Successivamente mi soffermo sulle tecniche e gli stili pubblicitari, approfondendo l'operato di Séquéla, colui che s'interessa di pubblicità mitica. Il mio lavoro si conclude con l'analisi di testi pubblicitari attraverso specifici strumenti descrittivi, referenziali ed infine interpretativi.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 CAPITOLO 1 LA NASCITA DELLA PUBBLICITÁ COMMERCIALE 1.1 STORIA DELLA PUBBLICITÁ: UN SALTO DAL PASSATO AL PRESENTE. La pubblicità, secondo la definizione più nota e concisa, è « l'anima del commercio». Ciò vuol dire, in altre parole, che senza la pubblicità diventa molto difficile stabilire un contatto tra chi produce, chi vende e chi compra. Appare evidente che essa non è soltanto quella che vediamo alla televisione o sui giornali e che riguarda soprattutto le grandi marche, ma è anche il richiamo di un venditore ambulante, l'insegna o la vetrina di un negozio, la scritta su un sacchetto di plastica o su una maglietta. La comunicazione pubblicitaria nasce e cammina parallelamente alle esigenze economiche, sociali, politiche e culturali di un paese. Dalla metà del XV secolo fu possibile affiggere nelle strade delle principali città europee i primi manifesti stampati. Nel seicento, grazie all’evoluzione delle tecniche di stampa, nei principali paesi europei poté iniziare la diffusione delle gazzette. Esse uscivano una volta la settimana e contenevano informazioni utili. Con le gazzette nacque anche la réclame, quella che si può considerare la prima vera forma di pubblicità. Bisognerà aspettare però il settecento per vedere la réclame sui giornali, soprattutto quelli inglesi. La pubblicità accelerò il suo sviluppo dal 1833, grazie all’espansione economica determinata dalla seconda rivoluzione industriale. Nella pubblicità ottocentesca s’incominciò ad utilizzare la forma verbale dello slogan: una frase sintetica in grado di sorprendere e catturare l’attenzione. Lo slogan ottenne però un vero riconoscimento nell’ambito pubblicitario soltanto nel Novecento. Sino a tutto l’Ottocento i manifesti pubblicitari possedevano

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Eleonora Usai Contatta »

Composta da 102 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2721 click dal 23/01/2007.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.