Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Azioni positive e rappresentanza politica: il problema delle “quote rosa”

La tesi è articolata in tre parti. Nella prima parte saranno trattati i dubbi di costituzionalità connessi alle azioni positive in quanto queste risultano contrastanti con alcuni principi costituzionali, quali quello di eguaglianza e pari opportunità. Subito dopo, con tutti i rischi connessi, si cercherà di tracciare le linee di uno statuto costituzionale delle azioni positive, dove le stesse verranno rapportate e temperate con il principio di eguaglianza quale referente costituzionale identificato nell’ordinamento italiano, per poi subito andare ad individuare i requisiti e le condizioni per la loro ammissibilità costituzionale; infine, è apparso indispensabile mettere alla luce una conferma della loro ammissibilità da parte dell’ordinamento costituzionale nazionale e comunitario.

La questione sulle quote elettorali a favore delle donne è l’argomento che sarà trattato nella seconda parte, dove sarà messo in evidenza come su tale questione sia cambiato l’orientamento della Consulta facendo riferimento a due diverse decisioni da essa stessa adottate, passando poi ad individuare quali sono le misure che, incidendo sulla formazione delle liste elettorali, possano introdursi senza incorrere in dubbi di costituzionalità aspettando un ulteriore chiarimento della Corte; infine, verrà presa in considerazione la nuova legge elettorale e i motivi di incostituzionalità rinvenibili a causa della mancata previsione di misure antidiscriminatorie per la formazione delle liste elettorali a garanzia di una presenza equilibrata di uomini e donne.

Nella terza parte sarà effettuato un esame dell’organizzazione interna dei partiti per valutare se essi si preoccupano o meno di definire uno spazio preciso per le donne, sia per quanto concerne la formazione degli organi interni, ma soprattutto riguardo al fondamentale momento della preparazione e selezione delle candidature.

Mostra/Nascondi contenuto.
PRESENTAZIONE La tesi è articolata in tre parti. Nella prima parte saranno trattati i dubbi di costituzionalità connessi alle azioni positive in quanto queste risultano contrastanti con alcuni principi costituzionali, quali quello di eguaglianza e pari opportunità. Subito dopo, con tutti i rischi connessi, si cercherà di tracciare le linee di uno statuto costituzionale delle azioni positive, dove le stesse verranno rapportate e temperate con il principio di eguaglianza quale referente costituzionale identificato nell’ordinamento italiano, per poi subito andare ad individuare i requisiti e le condizioni per la loro ammissibilità costituzionale; infine, è apparso indispensabile mettere alla luce una conferma della loro ammissibilità da parte dell’ordinamento costituzionale nazionale e comunitario. La questione sulle quote elettorali a favore delle donne è l’argomento che sarà trattato nella seconda parte, dove sarà messo in evidenza come su tale questione sia cambiato l’orientamento della Consulta facendo riferimento a due diverse decisioni da essa stessa adottate, passando poi ad individuare quali sono le misure che, incidendo sulla formazione delle liste elettorali, possano introdursi senza incorrere in dubbi di costituzionalità aspettando un ulteriore chiarimento della Corte; infine, verrà presa in considerazione la nuova legge elettorale e i motivi di incostituzionalità rinvenibili a causa della mancata previsione di misure antidiscriminatorie per la formazione delle liste elettorali a garanzia di una presenza equilibrata di uomini e donne. Nella terza parte sarà effettuato un esame dell’organizzazione interna dei partiti per valutare se essi si preoccupano o meno di definire uno spazio preciso per le donne, sia per quanto concerne la formazione degli organi interni, ma soprattutto riguardo al fondamentale momento della preparazione e selezione delle candidature. 1

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Fabrizio Meli Contatta »

Composta da 41 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4388 click dal 24/01/2007.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.