Skip to content

La normativa tributaria antielusione (art. 37 - bis D.P.R. 600/1973) con particolare riferimento alla scissione di società

Informazioni tesi

  Autore: Ambrogio Di Napoli
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2002-03
  Università: Università degli Studi della Tuscia
  Facoltà: Economia
  Corso: Scienze dell'economia e della gestione aziendale
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 79

L’analisi teorico-giuridica, l’elaborazione dottrinale e giurisprudenziale portano a convergere verso una definizione univoca ed essenziale del fenome-no elusivo, che consta dei seguenti elementi:
-uso di uno strumento giuridico lecito, e del relativo regime di tassazione, in modo “anormale”, “improprio”;
-mancata realizzazione del risultato tipico, concepito per tale strumento dall’ordinamento, nel caso della suddetta anormalità: tale improprietà (atipicità) è prevista dal legislatore per l’individuazione dell’elusione attraver-so l’indice dell’ assenza di “valide ragioni economiche”;
-ottenimento del vantaggio fiscale, grazie all’uso del medesimo strumento.
Da questi elementi si evince che nell’elusione è insita una dicotomia forma – sostanza, secondo la quale viene utilizzato un certo regime di tassa-zione, quello corrispondente allo strumento giuridico utilizzato, per un risulta-to economico diverso da quello tipico, previsto dall’ordinamento, per quell’istituto giuridico e quel regime di tassazione. L’elusione viene definita, infatti, anche come una condotta volta a ridistribuire la base imponibile in “luoghi diversi” da quelli “naturali” di tassazione per ottenere un vantaggio fiscale.
L’elusore è attratto da quei “luoghi” della tassazione che risultano van-taggiosi e pertanto essi sono l’origine del fenomeno elusivo quando diventano discrasie del sistema. Ciò si verifica quando i suddetti “luoghi”:
-o sono frutto di scelte volontarie di ordine politico-economico da parte del legislatore, ma vengono utilizzati al di là delle previsioni e delle fina-lità dello stesso;
-o sono veri e propri errori e disomogeneità di trattamento di ipotesi economicamente equivalenti.
L'art. 37bis introdotto dal legislatore nazionale al DPR 600/73 ha la funzione di arginare il fenomeno ma nel contempo evidenzia l’assenza di sicuri criteri per distinguere il fenomeno dell’elusione da quello del legittimo risparmio d’imposta.
Tale indubbia difficoltà ha indotto parte della dottrina, e sembra lo stesso Comitato consultivo, a valorizzare al massimo il criterio delle valide ragioni economiche, basando esclusivamente su di esso il giudizio di elusività. Tuttavia, l’apprezzamento di queste ultime si risolve in un giudizio eminentemente soggettivo, non esistendo criteri “superiori” ed “incontestabili” a cui riferirsi per determinare le valide ragioni economiche, la cui valutazione è rimessa all’operatore economico.
Da ciò discende l’attribuzione all’Amministrazione finanziaria di un po-tere discrezionale molto penetrante che richiede una notevole “sensibilità applicativa” e che rischia di creare una situazione di incertezza del diritto in un settore, quale il diritto tributario, dove “massimamente deve tendersi alla certezza del diritto, anche ai fini dell’auspicato miglioramento selettivo dell’azione amministrativa di accertamento”.
Tali considerazioni, largamente condivise dagli operatori del settore, hanno indotto parte della dottrina a sostenere l’inopportunità dell’introduzione nell’ordinamento di una norma generale antielusione, privilegiando il ricorso a norme sostanziali specifiche; altra parte della dottrina, ritenendo necessaria l’introduzione della stessa, ha valorizzato l’istituto dell’interpello preventivo dell’Amministrazione finanziaria.
Una soluzione auspicabile potrebbe essere una clausola generale antielusione combinata allo strumento preventivo dell’interpello obbligatorio. La combinazione di questi due strumenti permetterebbe che siano rispettati e salvaguardati diritti del contribuente circa la certezza del diritto e la conseguente autonomia contrattuale, grazie all’interpello, sia le ragioni dell’Erario, grazie alla clausola generale. Quest’ultima è capace di cogliere la dicotomia forma sostanza, che caratterizza l’elusione, se improntata prioritariamente sulla verifica, nei vari casi, delle motivazioni che siano atte a farle considerare economicamente fondate e che siano funzionalmente coerenti con il risultato tipico dell’operazione realizzata. Inoltre, tale clausola generale coprirebbe “ gli inter-stizi del sistema privi di una specifica protezione antielusiva”.
Sicuramente il legislatore italiano si è mosso nella giusta direzione, ma l’aver imboccato la strada non significa affatto essere arrivati: rispetto alla precedente clausola, la norma antielusiva contenuta nell’art. 37 bis del DPR 600/1973 ha un più marcato carattere generale, ma è pur sempre una clausola settoriale. Relativamente allo strumento d’interpello, esso offre vantaggi di ga-ranzia e certezza in termini di predeterminabilità degli effetti fiscali delle ope-razioni poste in essere dal contribuente, solo se esso viene concretizzato e fatto funzionare secondo specifiche modalità, e cioè se il dispositivo offre una ri-sposta celere e vincolante.
Nel nostro paese, è proprio rispetto a queste due qualità che l’istituto si presenta deficitario e perciò incapace di svolgere la funzione per cui è stato istituito.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE L’obiettivo del presente lavoro consiste nel tentativo di inquadrare il fenomeno dell’elusione fiscale, dimostrando il ruolo fondamentale delle “valide ragioni economiche” quale criterio di valutazione delle condotte elusive. Il fenomeno è stato analizzato in riferimento ad una delle operazioni societarie di natura straordinaria: la scissione. Nel primo capitolo vengono fissate, brevemente, le premesse all’indagine attraverso la definizione concettuale del fenomeno elusivo, a cui si perviene anzitutto collocando quest’ultimo all’interno di quello più ampio e generale del risparmio fiscale. L’elusione fiscale è infatti un risparmio d’imposta. Tale definizione è però tanto essenziale e fondamentale, quanto insufficiente: il risparmio d’imposta può realizzarsi in forme, modalità e tecniche diverse, rispetto alle quali l’elusione è soltanto una delle tante possibili configurazioni. Il secondo capitolo è incentrato sulla normativa antielusione, tuttora in vigore, di cui all’art. 37 bis del DPR 600/73 introdotta dal D.Lgs 358/1997. Si è mirato specificamente ad evidenziare quegli elementi costitutivi della norma, al ricorrere dei quali una fattispecie concreta si qualifica come comportamento elusivo degli obblighi tributari. Gli elementi identificativi, che assurgono, perciò, al ruolo di indici di elusività, sono: a) il ricorso all’uso di uno strumento giuridico, pienamente lecito e meritevole di tutela ma “anormale”, “improprio”, “inadeguato”, “abnorme”, ossia diverso da quello tipico civilistico, concepito dal legislatore per il raggiungimento di un dato risultato economico; b) la condizione per cui, con questo strumento, viene raggiunto lo stesso risultato economico che sarebbe raggiungibile con lo strumento “tipico” previsto della legge fiscale, quale presupposto d’imposta;

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

37-bis
comitato antielusione
comitato consultivo
elusione
evasione
interpello
profili civilistici
profili contabili
profili tributari
risparmio d'imposta
scissione

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi