Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Italia mia: incontro tra cinema, letteratura e fotografia

Partendo dal rapporto che lega Zavattini non solo al cinema, ma a tutto il campo dell’arte ( dalla letteratura, al teatro, alla pittura, alla fotografia ), intendo mostrare come questo artista dalle mille sfaccettature, tramite un continuo gioco di travasi intellettuali, abbia attraversato il neorealismo italiano portando sempre avanti l’amore per l’innovazione artistica, con lo scopo di rendere una testimonianza continua della situazione italiana sotto molteplici punti di vista; tutto ciò mantenendo come punto di partenza il rapporto fra l’uomo e il suo amore per la terra natia.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione Appoggiato a una colonna dei portici luzzaresi dopo mezzanotte, parlando di niente, coi miei compaesani, a poco a poco mi lasciavo scivolare giù col sedere per terra sul fresco del marciapiede e il vestito che finalmente si impolverava. Andate adagio, dicevo alle ore, semplicemente per godere il paesaggio delle flottiglie di bicicletta nella notte e la minaccia di un temporale 1 ; così Zavattini ricorda Luzzara,un paese della provincia emiliana apparentemente banale ed insignificante per chi vi passa distrattamente, sulla via per Parma e Mantova, ma rimasto nel cuore, negli occhi e nell’arte stessa di Zavattini. Un luogo che ha donato alla storia del cinema un uomo ricco d’inventiva, un uomo fortemente legato alle sue radici ma che, come queste, in qualche modo è sempre stato oscurato dalla grandezza di chi lo ha accompagnato nell’evoluzione della sua carriera di ‘dispensatore ufficiale di spettacolo’ 2 . Italia mia germina dalla voglia di raccontare e testimoniare, dalla voglia di mostrare un paese dando voce a chi questo paese lo vive davvero: ”Io vorrei riuscire a far venir fuori la realtà più reale possibile dalle parole, dalle confidenze, dalle confessioni degli abitanti […]” 3 . 1 G. NEGRI, Luzzara e la bassa tra mito e realtà nell’opera di Cesare Zavattini, Bottazzi, Suzzara(Mn) 1999. 2 C. JANDELLI, La scena pensante. Cesare Zavattini fra teatro e cinema, Bulzoni, Roma 2002, pag. 19. 3 E. GUALTIERI (a cura di)., Paul Strand – Cesare Zavattini: lettere e immagini, Bora, Bologna 2006.

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Umanistiche

Autore: Chiara Monaco Contatta »

Composta da 67 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4168 click dal 01/02/2007.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.