Skip to content

Il ciclo di affreschi con le storie di San Francesco d'Assisi alla Kalenderhane Camii in Istanbul

Informazioni tesi

  Autore: Melissa Tondi
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze dei beni culturali
  Relatore: Mauro Della Valle
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 81

La mia trattazione prende avvio dall’analisi di alcuni frammenti collocati attualmente in deposito presso il Museo Archeologico di Istanbul. Essi sono la conferma probante, nonché visiva, di una presenza francescana nel duecento insediata in una piccola cappella laterale dell’odierna Kalenderhane Camii, contenuta all’epoca all’interno delle mure costantinopolitane.

Dallo spoglio dei documenti pervenuti ho analizzato il programma iconografico confrontandoli con gli altri esempi “visivi” italiani. Partendo dal diligente studio di Chiara Frugoni ho cercato di rintracciare tutti i possibili legami con essi, vagliando le ipotesi di identificazione delle relative scene rimaste descritte rispettivamente dal professore emerito C. L. Striker dell’University of Pennsylvania che ha curato lo scavo archeologico nel 1998, e della studiosa romana Cristina Pantanella che ha dedicato un saggio sull’argomento .

Ciò che rende unico e irripetibile il nostro ciclo di affreschi è prima di tutto la sua collocazione, all’interno della città di Istanbul e, infine, il soggetto raffigurato: San Francesco d’Assisi. Se per la collocazione è stato possibile delineare abbastanza semplicemente le possibili cause della sua introduzione, dall’altro lato le molteplici difficoltà di lettura del ciclo raffigurato hanno dato adito a erronee interpretazioni. Questo per via della frammentarietà delle scene pervenute dal quale non è possibile comprendere interamente il ciclo, e in secondo luogo per via della sua eccezionalità che non ha paralleli a Costantinopoli. Si è cercato quindi di rifarsi a ciò che si conosce della “iconografia francescana”, soprattutto quella “occidentale” in base alla lettura dei saggi della Frugoni, nonostante esistono delle isolate raffigurazioni del Santo a Cipro e a Creta.

Naturalmente l’affresco deve “leggersi” anche in relazione al committente e nonostante non sia possibile identificare completamente la committenza in una specifica persona, è interessante notare come alcuni personaggi –“i francescani” appunto che abitavano quel loco – emergono per qualità e per cultura. È importante sottolineare come la figura del santo sia una presenza costante in quasi tutte le scene, quasi una dichiarazione figurata della forte volontà di radicare il culto in un luogo definito di confine.

Di timbro puramente “occidentale”, sia per la scelta del santo che per la tecnica utilizzata, l’affresco si caratterizza dalla stile – direi – quasi gotico. Del ciclo, l’unica scena pienamente identificata è la Predica degli Uccelli, un episodio tutto legato esclusivamente a San Francesco.

Per i miracoli “veri e propri” è possibile decifrarne con sicurezza solo il “Miracolo nei confronti di una cieca” e la Liberazione della donna Indemoniata di Narni. Effettivamente per quanto riguarda gli altri “miracoli” raffigurati vi è una ripresa dei quattro miracoli letti durante la cerimonia di canonizzazione del santo e molto spesso raffigurati nelle tavole francescane, come ad esempio nelle due tavole conservate ad Assisi e a Roma. Ne consegue che il nostro artista ne era a conoscenza, o forse li aveva visti direttamente.

La probabile o non probabile ripresa dei modi giotteschi in relazione alla scena della “Predica degli Uccelli” presente alla Kalenderhane rimane sommariamente celata ma sarebbe giusto non cadere nell’errore di dare per assodato l’esistenza di un probabile “modello intermedio” che collega Giotto al ciclo alla Kalenderhane,dato che non è emersa nessuna tavola, paliotto o manoscritto che avvalori la tesi. «La varietà - afferma Pantanella - degli apporti tematici e stilistici provenienti da zone così distanti tra loro, sembra richiamare inevitabilmente la stessa ampia diffusione mediterranea dei francescani» e, si pone la seguente questione: «… se l’insieme di tendenze e esperienze artistiche e culturali diverse riscontate nel ciclo della Kalenderhane non sia trascorso tra l’Italia, Costantinopoli, e la Terra Santa anche per il tramite degli stessi francescani» .

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
- 4 - INTRODUZIONE [ ]quand ecco, all improvviso, emerse sulla terra un uomo nuovo, e all apparire subitaneo di un nuovo esercito, i popoli furono ripieni di stupore davanti ai segni della rinnovata et apostolica. ¨ ora d un tratto portato alla luce la perfezione gi sep olta nella Chiesa primitiva, di cui il mondo leggeva s le meraviglie, ma non vedeva l esempio [ ] . (3 Celano,1) Si potrebbe partire da questa frase, scritta da Tommaso da Celano, per spiegare come venne alla luce, cos all improvviso , un ciclo frammentario di affreschi narrante le storie di San Francesco, sepolto all interno di una chiesa bizantina a Costantinopoli, l attuale Kalenderhane Camii, che nulla aveva da spartire nØ con l uomo nuovo frate Francesco nØ con il nuovo esercito i francescani. Si cap subito che queste storie agiografiche sul Poverello d Assisi dovevano essere inserite nel periodo della dominazione latina, perchØ dopo la Crociata del 1204, proprio grazie ai mercanti veneziani, pisani e genovesi che ne ampliarono la diffusione nella Capitale bizantina, i francescani si insediarono definitivamente nella citt . Com Ł evidente, la straordinaria portata della scoperta consiste, oltre all anomala collocazione e all eccezionale scelta del soggetto raffigurato, anche nella ottima resa pittorica e narrativa delle scene, nonostante la perdita sfortunatamente della maggior parte degli affreschi.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

affreschi
cicli di affreschi
istanbul
kalenderhane camii
periodo latino
san francesco d'assisi

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi