Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le NTIC nella pianificazione partecipata. Applicazione di un metodo di Foresight alla pianificazione: progetto AlpTransit e regione insubrica.

Il lavoro affronta, sia da un punto di vista teorico che operativo, gli importanti aspetti legati alla pianificazione partecipata ed alla sua integrazione con le Nuove Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione (NTIC).
Si vuole fornire un contributo personale scomponendo il concetto di partecipazione, delineandone le sue forme caratteristiche, integrando gli spunti proposti dalla sfida della introduzione degli aspetti caratterizzanti le NTIC negli approcci di pianificazione partecipata.
Il momento centrale del lavoro consiste nella applicazione di un metodo di Foresight al caso specifico della analisi delle implicazioni socioeconomiche e territoriali del progetto AlpTransit, che consiste essenzialmente in un potenziamento dei valichi alpini del Lötschberg e del San Gottardo.
Esso genererà importanti implicazioni sul sistema regione insubrica in un futuro ormai non più molto lontano, di difficile stima e quantificazione a causa delle molteplici posizioni che possono essere assunte o delle diverse politiche e azioni che possono essere messe in pratica dalla molteplicità dei soggetti decisionali coinvolti.
Il fine principale è così quello di fornire un possibile input iniziale per la nascita di una discussione partecipata e concreta tramite la costruzione di scenari futuri.
Dall’applicazione emergono alcuni aspetti significativi: i risultati della applicazione empirica, anche se di carattere puramente esplorativo, permettono di dimostrare che l’uso di metodi e tecniche di pianificazione partecipata appare decisivo, in quanto la vastità e la complessità dei progetti coinvolti sfugge a qualsiasi tentativo di analisi e decisione basato sui paradigmi di una pianificazione fondata sulla conoscenza di un numero limitato di soggetti.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE La crescente complessità che pervade la maggior parte dei problemi centrali della società attuale, caratterizzata dalla convivenza, talvolta forzata, di molteplici interessi e posizioni, che possono a volte portare allo sfociare di aspri conflitti, implica, per definizione, la necessità di considerare una moltitudine di variabili, aspetti, o ancora, prese di posizione, di natura estremamente diversa. L’incapacità nel gestire tale crescente complessità ha, nei fatti, condotto la pianificazione territoriale verso una crisi generalizzata, che ha portato ad un allargamento, a volte incolmabile, del divario fra i diversi interessi e le diverse posizioni coinvolte nei processi pianificatori, spesso generalmente identificati nel contesto della sfera pubblica o della sfera privata. La complessità insita nei problemi pianificatori si distingue per una moltitudine di dimensioni diverse che intervengono nella caratterizzazione dei problemi stessi ed è dovuta, in definitiva, a due caratteri fondamentali legati, da una parte, alla complessità implicita degli attuali sistemi sociali, economici, territoriali e politici e dalle mutue interrelazioni che si stabiliscono tra di essi e, dall’altra, alla conseguente promozione di un auto-coinvolgimento e di una auto-collaborazione tra diversi soggetti, caratterizzati da diverse istanze e rivendicazioni, che tende ad essere imposta da coloro i quali si sentirebbero danneggiati se fossero lasciati al di fuori dei meccanismi del processo decisionale. Negli ultimi anni il tema della partecipazione dei vari soggetti all’interno dei processi di trasformazione territoriale, e comunque, in termini generali, all’interno di un qualsiasi progetto i cui effetti si ripercuotono su una molteplicità di attori, ha destato dunque sempre maggiore interesse dando luogo alla nascita di un dibattito ancora nel pieno del suo svolgimento. Un tema interessante, che è subito emerso in tale dibattito, è quello della necessità di un intervento coordinato, e in qualche maniera corale, di tutti gli attori coinvolti, non tanto

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Mirko Baruffini Contatta »

Composta da 572 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1427 click dal 09/02/2007.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile solo in CD-ROM.