Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Unione Europea e America Centrale verso l'Accordo di Associazione: un possibile modello di interregionalismo

Si analizza il rapporto fra l'UE e i paesi dell'istmo centroamericano a partire dagli anni '80 quando questa regione era teatro di conflitti civili, la sua evoluzione nel corso degli anni e le prospettive per il futuro. Particolare attenzione è data al confronto fra la politica europea e statunitense nella zona, alle relazioni commerciali ed ai rischi e oppportunità insiti in un accordo di associazione nord-sud.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Nel contesto globale del XXI secolo sta emergendo con forza una tendenza alla stipula di accordi tra paesi del Nord e paesi del Sud del mondo. Con il fallimento delle negoziazioni del Doha Round in seno al WTO, e quindi con il momentaneo abbandono della cornice multilaterale, l’opzione per trattati di associazione e di libero commercio ha acquistato ancora più vigore. L’annuncio nel maggio 2006 dell’avvio di negoziazioni per un accordo di associazione fra l’Unione Europea e i paesi dell’America Centrale che danno vita alla SIECA (Costa Rica, Guatemala, Honduras, Nicaragua, Salvador e, in prospettiva, Panama) rispecchia questo tipo di tendenza. L’annuncio costituisce un punto di svolta nelle relazioni pluriventennali fra le due regioni, che avevano preso avvio a metà degli anni Ottanta per tentare di dare una soluzione alla travagliata crisi centroamericana. In quegli anni l’allora CEE decise di intervenire per appoggiare gli incipienti processi di pacificazione intrapresi dai paesi della regione. L’Europa, differenziandosi dagli Stati Uniti, focalizzò la propria attenzione sulle gravi deficienze strutturali delle economie e delle società della regione. Così facendo aveva saputo impostare una politica coerente, che contribuì in maniera decisiva al raggiungimento della pace e della democratizzazione e alla riattivazione dell’integrazione centroamericana, con lo sviluppo del “Processo di San José”, il dialogo istituzionalizzato a livello presidenziale nato nel 1984. 6

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Francesco Meucci Contatta »

Composta da 89 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1219 click dal 09/02/2007.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.