Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La valutazione dei Dirigenti nella P.A. locale: esperienze a confronto

L’argomento di questo mio lavoro è la Valutazione, intesa come una procedura organica e sistematica per assicurare che su ogni dipendente venga espresso periodicamente un giudizio, che serva a valutare ed individuarne, secondo criteri omogenei, il rendimento e le caratteristiche professionali che esso esercita nell’esecuzione del lavoro. Questo tema che, come si può comprendere, è estremamente vasto e complesso, viene da me analizzato da una prospettiva particolare e nuova: le Amministrazioni Pubbliche Locali. Si tratta di una visuale, a mio avviso, privilegiata in quanto si possono indagare i sistemi implementati sin dalle loro origini, da quando hanno mosso i primi passi, con tutte le incertezze, le aspettative e gli ostacoli che le hanno caratterizzate.
Una serie di fatti contingenti ha fatto sì che questo tema entrasse prepotentemente nella gestione delle organizzazioni pubbliche, dopo che per decenni era stato del tutto sconosciuto e/o contrastato. Le ragioni di questo recente interesse non necessitano di lunghe spiegazioni e risiedono, principalmente, nella maggiore autonomia attribuita alle singole amministrazioni e nella rilevanza data al ruolo della dirigenza in particolare nella gestione del personale.
L’elevato numero di APL, nonché le loro profonde differenze, rendono queste organizzazioni particolarmente adatte per un’analisi d’insieme di quelle che sono le principali linee su cui questo argomento si è sviluppato.
Tuttavia, questo lavoro, volutamente, non è una semplice raccolta statistica, e l’esiguità del campione lo palesa immediatamente. Ogni amministrazione, da me indagata, è stata trattata in maniera approfondita, e questo non ha consentito di allargare il paniere delle esperienze. In ogni caso, i comuni scelti si caratterizzano per una vastità di punti di interesse e di orientamenti che rendono questo lavoro un’interessante fotografia dell’esistente e di quelli che sono stati i processi e le peculiarità che hanno caratterizzato e caratterizzano tuttora la valutazione dei dirigenti nelle APL.
I Comuni Interessati dallo studio sono: Forlì, Lecce, Padova, Ravenna, Roma e Verona. La tesi è stata segnalata in commissione di laurea.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione L’argomento di questo mio lavoro è la Valutazione, intesa come una procedura organica e sistematica per assicurare che su ogni dipendente venga espresso periodicamente un giudizio, che serva a valutare ed individuarne, secondo criteri omogenei, il rendimento e le caratteristiche professionali che esso esercita nell’esecuzione del lavoro. Questo tema che, come si può comprendere, è estremamente vasto e complesso, viene da me analizzato da una prospettiva particolare e nuova: le Amministrazioni Pubbliche Locali. Si tratta di una visuale, a mio avviso, privilegiata in quanto si possono indagare i sistemi implementati sin dalle loro origini, da quando hanno mosso i primi passi, con tutte le incertezze, le aspettative e gli ostacoli che le hanno caratterizzate. Una serie di fatti contingenti ha fatto sì che questo tema entrasse prepotentemente nella gestione delle organizzazioni pubbliche, dopo che per decenni era stato del tutto sconosciuto e/o contrastato. Le ragioni di questo recente interesse non necessitano di lunghe spiegazioni e risiedono, principalmente, nella maggiore autonomia attribuita alle singole amministrazioni e nella rilevanza data al ruolo della dirigenza in particolare nella gestione del personale. L’elevato numero di APL, nonché le loro profonde differenze, rendono queste organizzazioni particolarmente adatte per un’analisi d’insieme di quelle che sono le principali linee su cui questo argomento si è sviluppato. Tuttavia, questo lavoro, volutamente, non è una semplice raccolta statistica, e l’esiguità del campione lo palesa immediatamente. Ogni amministrazione, da me indagata, è stata trattata in maniera approfondita, e questo non ha consentito di allargare il paniere delle esperienze. In ogni caso, i comuni scelti si caratterizzano per una vastità di punti di interesse e di orientamenti che rendono questo lavoro un’interessante fotografia dell’esistente e di quelli che sono stati i

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Gianni Perrone Contatta »

Composta da 318 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5643 click dal 12/02/2007.

 

Consultata integralmente 12 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.