Skip to content

Regionalismo e protezione dell'ambiente nel dibattito sulla modifica del Titolo V della Costituzione

Informazioni tesi

  Autore: Giulio Spina
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2005-06
  Università: Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Mario Scazzoso
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 182

Il processo di maturazione sociale, culturale e politico da un lato, e l’evoluzione giuridica sulla nozione di “ambiente” dall’altro, hanno fortemente influenzato i mutamenti degli assetti istituzionali ed organizzativi in tema di protezione ambientale.
L’amministrazione dell’ambiente ha inoltre dovuto dare risposta alle pressioni interne derivanti dalla presa di coscienza politica sulla priorità di tali tematiche, e a quelle esterne provenienti dagli indirizzi comunitari sempre più permeanti e rigorosi per i vari stati membri.
L’evoluzione di tali apparati amministrativi va collocata all’interno del sistema burocratico italiano: una struttura altamente complessa, caratterizzata, nell’attuale momento storico, da un gran fermento di riforma e razionalizzazione amministrativa, istituzionale e costituzionale, per altro ancora in itinere.
Tali linee di riforma sono di due tipi: la prima, più propriamente amministrativo – organizzativa, è volta alla razionalizzazione del complesso assetto burocratico italiano: è dunque ispirata alle logiche della semplificazione e della deregolamentazione, nell’ottica di migliorare efficacia, efficienza, trasparenza ed economicità dell’azione e dell’organizzazione delle pubbliche amministrazioni; l’altra, non solo di natura amministrativa, ma anche politico – istituzionale, è diretta ad attuare i principi di decentramento amministrativo e di autonomia sanciti dall’art. 5 Cost.
Tali finalità, razionalizzazione da un lato e decentramento ed autonomia dall’altro, sono strettamente connesse, in quanto intercorre tra loro un profondo rapporto di complementarietà; infatti, gestire compiti e funzioni il più possibile vicino ai cittadini interessati è elemento fondamentale di semplificazione e razionalizzazione, e dell’organizzazione e dell’azione amministrativa .
A tale complessa situazione, va aggiunta la trasversalità delle tematiche ambientali; trasversalità che si muove in due direzioni.
Innanzitutto dal punto di vista territoriale, dunque riguardante l’istituzione politica preposta alla cura degli interessi locali, l’ambiente coinvolge, in base alla duplice variabile delle singole tematiche affrontate e dell’estensione che queste assumono, diversi ambiti spaziali: quelli locali, la cui cura è deputata agli enti politici territoriali (regioni, province, città metropolitane e comuni), e quelli nazionali, in cui l’attività amministrativa è affidata alle strutture centrali .
Vi è poi la trasversalità dovuta ai rapporti che il tema in questione ha con altri rami della pubblica amministrazione e dell’attività del Paese: si pensi ad esempio allo stretto rapporto che intercorre tra la protezione dell’ambiente e la salute, l’agricoltura, l’industria, l’urbanistica o il turismo.
A tale intricato quadro si deve ancora aggiungere l’alto tasso tecnico che a volte richiedono particolari discipline afferenti a tale materia .

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
9.4 – L’ambiente nel nuovo titolo V della Costituzione Mentre nelle precedenti disposizioni costituzionali inerenti al riparto di competenze tra Stato e regioni l’ambiente non era nominato, ora la “tutela dell’ambiente e dell’ecosistema” rientra, ex art. 117, comma 2, lettera s) Cost., riformato, tra le materie di competenza esclusiva statale. Già dal 1987, ben prima dunque della Riforma del Titolo V della Costituzione, la Corte costituzionale era giunta ad affermare che la protezione dell’ambiente, rispondendo a valori largamente sentiti, “assurge a valore primario ed assoluto” 1 . La costante giurisprudenza del Giudice delle leggi, è confermata dalla recente statuizione con la quale ha definito l’ambiente come “valore costituzionalmente protetto” 2 . Notevoli sono le implicazioni di tali concezioni sull’interpretazione della disposizione del novellato art. 117, comma 2, lettera s, Cost., interpretazione necessaria ai fini di determinare l’assetto delle competenze amministrative ambientali delineate dalla L. C. 18 ottobre 2001, n. 3. In realtà, molto aspro è stato il dibattito parlamentare inerente all’attribuzione della tutela dell’ambiente e dell’ecosistema alla potestà legislativa esclusiva statale. È stata ad esempio ravvisata 3 la violazione del principio di sussidiarietà, in quanto la tutela dell’ambiente non richiederebbe l’esclusiva competenza dello Stato, che così resta centrale e centralista 4 . 1 Cfr C. Cost Corte Cost., 17-30 dicembre 1987, n. 641. 2 Corte Costituzionale - 22 luglio 2004 , n. 259. 3 Intervento di Gubert alla 1052 a Seduta pubblica dell’8 marzo 2001. 4 Così Meloni alla 1052 a Seduta pubblica dell’8 marzo 2001.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi