Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il marketing del calcio

Finalmente uno strumento per scoprire in modo completo e sistematico tutte le problematiche e le potenzialità offerte dal fenomeno sportivo.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione 6 INTRODUZIONE. Il fenomeno sportivo rappresenta oggi una delle maggiori realtà nei Paesi di tutto il mondo, stimolando passioni, attenzioni, viaggi, affari e molte altre attività: si è trasformato da semplice intrattenimento a industria del tempo libero. La rilevanza del fenomeno sportivo è sintetizzabile, se ce ne fosse bisogno, in pochi dati statistici che evidenziano come, ormai, l’industria sportiva possa considerarsi la quinta del Paese per giro di affari, i praticanti siano stimabili in oltre 20 milioni di italiani, le federazioni sportive siano 39 con quasi 500mila dirigenti, le trasmissioni televisive più seguite, in tutto il mondo, siano quelle sportive ed in assoluto la finale del campionato del mondo di calcio sia quella con la più alta audience. Il mondo sportivo quindi non può essere sottovalutato: c’è la necessità di procedere ad una sollecita chiarificazione di questa realtà, vista ormai alle soglie del duemila, dove etica, affari, interesse pubblico e rigorosità manageriale devono imparare a convivere in modo reciprocamente rispettoso. Il modello che ha fatto prosperare lo sport fino ad oggi è in crisi: nella gestione delle società è mancata per troppo tempo la logica dell’equilibrio economico che portava la “proprietà” a coprire alla fine dell’esercizio le perdite derivanti dalla gestione spesso istintiva tipica del “mecenate”.

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Stefano Castiglioni Contatta »

Composta da 293 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 17506 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 71 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.