Skip to content

La resistenza militare al nazismo nella storiografia tedesca

Informazioni tesi

  Autore: Stefania Rigillo
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2002-03
  Università: Università degli Studi Roma Tre
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze Politiche
  Relatore: Renato Moro
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 134

L’esistenza o quanto meno la ‘consistenza’ di un movimento di resistenza al nazismo sono state per lungo tempo messe in dubbio sia all’interno della Germania sia negli altri paesi occidentali coinvolti nel secondo conflitto mondiale, al punto da condizionare lo sviluppo di un effettivo interesse scientifico nei confronti del tema in questione.
Il regime nazionalsocialista, per il suo carattere dittatoriale innanzitutto, aveva lasciato un’immagine di sé, all’indomani del conflitto, come di un mondo completamente uniformato ed era riuscito a screditare completamente tutti coloro che avevano tentato di organizzare un movimento di opposizione. Ci vollero alcuni anni caratterizzati assieme sia da reticenza che da disinteresse prima che potesse venire alla ribalta la presenza di “un’altra Germania” contemporanea a quella dei crimini razziali e della pretesa di dominare il mondo.
Comprendere ed inquadrare la resistenza tedesca era sicuramente reso più difficile per la storiografia in considerazione delle spiccate diversità che esso mostrò rispetto alla generalità degli altri movimenti in Europa: fu quindi subito problematico arrivare ad una definizione plausibile di tale movimento, tenendo conto di tutte le sue peculiarità e delle molte forme in cui si espresse.
Appurata l’esistenza di un’opposizione al nazismo, si poneva poi anche il problema di definire la validità del concetto di resistenza militare, che noi abbiamo appunto scelto quale aspetto centrale del nostro lavoro. In effetti i pareri non sono univoci al riguardo. Alcuni autori tendono ad analizzare l’azione dei militari che manifestarono il proprio dissenso al regime come un settore effettivo ed a sé stante del movimento di resistenza più generale. Altri invece considerano l’opposizione militare quale semplice ‘braccio armato’ di un movimento che si espresse fondamentalmente in forma civile.
Già la presenza di voci discordanti è in un certo senso sintomatica di un’acquisizione di interesse e attenzione all’argomento da parte della storiografia tedesca. Nella maggior parte delle opere analizzate, nel caso si tratti di studi che vogliano dare conto di tutte le realtà interne al movimento, la presenza di un contributo dedicato agli oppositori dalle fila delle forze armate è fuori discussione. Per lo stesso carattere del regime, finiva per essere palesemente inefficace l’ipotesi di costruire istanze di dissenso senza ricorrere all’esercito.
Inoltre nel corso dei decenni è apparso sempre più chiaro che la massima espressione della resistenza al nazismo fosse stata l’ideazione di un complotto per l’eliminazione violenta di Hitler ed un conseguente colpo di stato, entrambi portati avanti in primo luogo da militari. Sono state questi fondamentalmente i fatti che hanno indotto gli storici a ravvisare nella Germania di quei giorni drammatici una vera e propria ‘rivolta delle coscienze’. Anche se l’interesse per l’episodio dell’attentato del 20 luglio 1944 è riscontrabile sin dalle prime analisi, la questione non ha mancato di evolversi in modo determinante: dalle prime chiavi di lettura dai toni molto affettati e tendenti a creare dei facili miti, nelle trattazioni più vicine a noi nel tempo gli studiosi hanno mostrato di saper cogliere l’alto valore simbolico dell’episodio nella sua giusta misura. Il 20 luglio è ormai una data importante, e non solo in ambito prettamente storiografico. Piuttosto, è un anniversario che ha valore per tutta la società tedesca venuta fuori dalla seconda guerra mondiale. È altrettanto indubbio che la nazione tedesca, prima nella sua doppia realtà statale e ancor di più dopo la riunificazione, si sia mostrata attenta alla gestione di una dinamica di confronto con il proprio passato nazionalsocialista, quel “passato che non vuole passare” secondo la riflessione di Nolte.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE L’esistenza o quanto meno la ‘consistenza’ di un movimento di resistenza al nazismo sono state per lungo tempo messe in dubbio sia all’interno della Germania sia negli altri paesi occidentali coinvolti nel secondo conflitto mondiale, al punto da condizionare lo sviluppo di un effettivo interesse scientifico nei confronti del tema in questione. Il regime nazionalsocialista, per il suo carattere dittatoriale innanzitutto, aveva lasciato un’immagine di sé, all’indomani del conflitto, come di un mondo completamente uniformato ed era riuscito a screditare completamente tutti coloro che avevano tentato di organizzare un movimento di opposizione. Ci vollero alcuni anni caratterizzati assieme sia da reticenza che da disinteresse prima che potesse venire alla ribalta la presenza di “un’altra Germania” contemporanea a quella dei crimini razziali e della pretesa di dominare il mondo. Comprendere ed inquadrare la resistenza tedesca era sicuramente reso più difficile per la storiografia in considerazione delle spiccate diversità che esso mostrò rispetto alla generalità degli altri movimenti in Europa: fu quindi subito problematico arrivare ad una definizione plausibile di tale movimento, tenendo conto di tutte le sue peculiarità e delle molte forme in cui si espresse. Appurata l’esistenza di un’opposizione al nazismo, si poneva poi anche il problema di definire la validità del concetto di resistenza militare, che noi abbiamo appunto scelto quale aspetto centrale del nostro lavoro. In

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

nazismo
resistenza militare
resistenza nazismo
storiografia
storiografia nazista
storiografia tedesca

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi