Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il teatro della non-rappresentazione di Carmelo Bene. Contatti e divergenze con Antonin Artaud

Due testimonianze teatrali a confronto, nella condivisione di un rifiuto della "rappresentazione" e dello "spettacolo".

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE «O tutto il resto è teatro, allora questo non lo è, oppure questo è il grande teatro, e allora il resto non lo è» 1 . Il più imprevedibile e inclassificabile caso del teatro europeo del secondo dopoguerra, quello di Carmelo Bene. Una linea di ricerca che si concretizzerà nel corso degli anni in differenti forme d’espressione – mai distinguibili come generi a se stanti – ma si rivolgerà sempre, in ultima istanza, al teatro, sconvolgendone canoni e tradizioni; rifiutando, in particolare, l’idea di un teatro di rappresentazione, e con esso, di conseguenza, l’intero statuto della teatralità classicamente intesa. Da personaggio eccentrico e superbo qual’era (o quale voleva apparire), Carmelo Bene non si è mai risparmiato dall’elogiare il suo stesso teatro – i toni della citazione più sopra ne sono un esempio lampante – affermandone le distanze non solo dalla tradizione passata ma anche da qualsiasi mito avanguardistico, e riconoscendone invece i debiti ad un nome in particolare: Antonin Artaud. Quest’ultimo, artista dal temperamento radicale e dall’incessante propensione a distruggere e a ricreare interi mondi, si rivelerà padre di alcune intuizioni fondamentali relative ad un teatro che, a differenza di quello occidentale, non sia basato sull’asservimento alla presunta verità di un testo e non vi si approcci di conseguenza con intenti prettamente ermeneutici. Scardinando questi canoni e ponendo fine una volta per tutte alla sottomissione nei confronti degli storici capolavori 2 - un rapporto di venerazione che conduce inevitabilmente l’attività teatrale ad una stasi improduttiva – Artaud compie un apparentemente semplice ma basilare cambio di prospettiva 1 Carmelo l’ultimo, s.d.; a cura di Costanza Crescimbeni, montaggio di Antonio Paniccia, trasmesso su La7. 2 Cfr. A. Artaud, Basta con i capolavori in Il teatro e il suo doppio con altri scritti teatrali, Einaudi, Torino, 2000.

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Rachele Bonifacio Contatta »

Composta da 100 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4642 click dal 22/02/2007.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.