Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Raccolta Epigrafica Comunale e Collezione Pascucci: i nuclei storici del Museo Civico Archeologico di San Severino Marche

La tesi qui presentata ha come oggetto d’indagine lo studio delle due collezioni più antiche oggi esposte nel Museo Civico Archeologico “Giuseppe Moretti” di San Severino Marche (Mc), vale a dire la Raccolta Epigrafica Comunale e la Collezione Pascucci. Esse ne costituiscono in un certo senso «l’ossatura storica», in quanto il resto del materiale conservato nel Museo proviene da regolari campagne di scavo ad opera della Soprintendenza per i Beni Archeologici delle Marche o da concessioni di privati.
Lo spunto per il presente lavoro è stato dato dalla formazione “per tappe” della collezione attualmente esposta all’interno del Museo, un’istituzione dalle radici lontane la cui costituzione è frutto di epoche e mentalità diverse, le quali però concorrono unitamente a testimoniare la storia del comprensorio e il succedersi ininterrotto in esso di varie civiltà e culture. Appurato che le sezioni del Museo di costituzione più antica sono quella epigrafica e quella preistorica, si è cercato di ricostruire come le due collezioni si sono formate e sviluppate nel corso del tempo e come esse siano venute a far parte dell’attuale realtà museale.
Circa le epigrafi di Palazzo Comunale, la ricerca ha riguardato quelle scampate alla dispersione dei secoli, le quali, nel 1972, sono state trasferite nel Museo Archeologico istituito in quell’anno e sono attualmente esposte nella nuova sede del Museo, inaugurata nel 2003, all’interno dell’Antico Episcopio. Di ogni epigrafe si è cercato di ricostruire il cammino, dal suo rinvenimento (ove possibile) alla collocazione nel Palazzo Municipale, consultando fonti per lo più contemporanee agli eventi descritti, ma anche più recenti, molte delle quali riguardanti scoperte di documenti che attestano il trasferimento di epigrafi.
Circa la Collezione Pascucci, composta soprattutto da reperti preistorici, si è partiti dalla sua nascita agli inizi degli anni ’80 dell’Ottocento e ne è stato descritto il progressivo accrescimento, utilizzando gli scritti dello stesso dott. Pascucci, nonché fonti provenienti dall’Archivio Storico Comunale. Ceduta allo Stato (1911) ed entrata a far parte del Reale Museo Archeologico di Ancona, ha fatto ritorno solo nel 1972, proprio per l’inaugurazione del Museo Archeologico di San Severino, seppure non nella sua interezza (una piccola parte di essa infatti è ancora conservata nel Museo Archeologico Nazionale della città dorica). Dal 2003 si trova anch’essa nella nuova sede del Museo.

Mostra/Nascondi contenuto.
6 PRESENTAZIONE Campo d’indagine della ricerca La tesi qui presentata ha come oggetto d’indagine lo studio delle due collezioni più antiche oggi esposte nel Museo Civico Archeologico “Giuseppe Moretti” di San Severino Marche (Mc), vale a dire la Raccolta Epigrafica Comunale e la Collezione Pascucci. Esse ne costituiscono in un certo senso «l’ossatura storica», in quanto il resto del materiale conservato nel Museo proviene da regolari campagne di scavo ad opera della Soprintendenza per i Beni Archeologici delle Marche o da concessioni di privati. Lo spunto per il presente lavoro è stato dato dalla formazione “per tappe” della collezione attualmente esposta all’interno del Museo, un’istituzione dalle radici lontane la cui costituzione è frutto di epoche e mentalità diverse, le quali però concorrono unitamente a testimoniare la storia del comprensorio e il succedersi ininterrotto in esso di varie civiltà e culture. Appurato che le sezioni del Museo di costituzione più antica sono quella epigrafica e quella preistorica, si è cercato di ricostruire come le due collezioni si sono formate e sviluppate nel corso del tempo e come esse siano venute a far parte dell’attuale realtà museale. Per quanto riguarda la Collezione Epigrafica Comunale, essa è la raccolta più antica tra le due qui esaminate, iniziando la sua formazione nella prima metà del Settecento; purtroppo ci è giunta in parte mutila, in quanto molte epigrafi sono andate perdute nel tempo. La ricerca ha dunque riguardato le epigrafi superstiti del Palazzo Comunale che, nel 1972, sono state trasferite nel Museo Archeologico istituito in quell’anno nel Palazzo

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Lucia Carfagna Contatta »

Composta da 145 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 778 click dal 26/02/2007.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.