Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il percorso evolutivo del concetto di devianza

“Nessuna cultura può sopravvivere, se pretende di escludere le altre”

Gandhi

Lo straniero, “l’altro”, quando non é accomunato ad un animale viene sempre definito attraverso attributi che lo fanno “strano”, mostruoso, o almeno “diverso”. Così i “wute” (uomini), arcieri temuti dell’hinterland del Camerun, o i “khoi-khoin” (uomini di per sé) dell’Africa meridionale che chiamano i loro vicini “hottentoti” (balbuzienti); non sono stati solo gli Ebrei a chiamare con disprezzo tutti gi altri “gojim” ed i Greci a definirli “bàrbaroi”; la stessa cosa fecero i Cinesi, usando il nome “daszy” (barbari) per definire gli stranieri. I Dinka chiamano la loro tribù vicina “niam-niam” (i divoratori). Gli “Eschimesi” furono così denominati dagli indiani Algonchini: il loro nome significa “mangiatori di carne cruda”. Molti nomi di tribù indiane significano semplicemente “nemici”.
Non è dunque una novità l’atteggiamento di intolleranza o per lo meno di diffidenza nei confronti dell’altro, del diverso.
Dopo una breve riflessione sul concetto di devianza, per fare chiarezza su questo termine così ambiguo e polivalente (capitolo 1), si riporta un rapido excursus sulle maggiori scuole di pensiero, sociologiche e psicologiche, in merito esclusivamente al tema della devianza (capitolo 2). Verrà trattata soprattutto la “label theory” (capitolo 3), approccio sociologico dal cui relativismo parte la riflessione di questa tesi: dato per scontato questo atteggiamento di diffidenza e spesso di esclusione verso il deviante e l’importanza delle influenze sociali e culturali nella “costruzione della devianza”, come cambia tale atteggiamento in rapporto all’età?

Sono stati così riportati dati di alcuni questionari e risultati di ricerche riguardanti il modo in cui bambini, adolescenti, adulti e anziani si pongono di fronte il tema della devianza (capitolo 4). In particolare sono stati presi in considerazione quattro tipi di comportamenti devianti:
 l’atteggiamento verso gli immigrati,
 la criminalità,
 la tossicodipendenza,
 l’omosessualità.
Riassumendo tutte le varie ricerche riportate (capitolo 5), si giunge alla conclusione che i ragazzi dispongono di una maggiore apertura mentale verso le quattro forme di comportamento deviante trattate; sembra così confermato quel pregiudizio sociale che considera i giovani più tolleranti dei grandi.
Non va dimenticato però che la percezione del “diverso” e quindi la sua valutazione, positiva o negativa che sia, risponde ad un’infinità di fattori che non si possono semplicemente riassumere con la differenza di età; per non cadere nella stessa critica di riduttivismo mossa alla “label Theory” (vedi capitolo 3) è bene sottolineare che l’età è solamente una delle tante varabili che, come si è dimostrato, influiscono significativamente nella considerazione di ciò che è deviante e ciò che non lo è.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE “Nessuna cultura può sopravvivere, se pretende di escludere le altre” Gandhi Lo straniero, “l’altro”, quando non é accomunato ad un animale viene sempre definito attraverso attributi che lo fanno “strano”, mostruoso, o almeno “diverso”. Così i “wute” (uomini), arcieri temuti dell’hinterland del Camerun, o i “khoi-khoin” (uomini di per sé) dell’Africa meridionale che chiamano i loro vicini “hottentoti” (balbuzienti); non sono stati solo gli Ebrei a chiamare con disprezzo tutti gi altri “gojim” ed i Greci a definirli “bàrbaroi”; la stessa cosa fecero i Cinesi, usando il nome “daszy” (barbari) per definire gli stranieri. I Dinka chiamano la loro tribù vicina “niam- niam” (i divoratori). Gli “Eschimesi” furono così denominati dagli indiani Algonchini: il loro nome significa “mangiatori di carne cruda”. Molti nomi di tribù indiane significano semplicemente “nemici”. Non è dunque una novità l’atteggiamento di intolleranza o per lo meno di diffidenza nei confronti dell’altro, del diverso. Dopo una breve riflessione sul concetto di devianza, per fare chiarezza su questo termine così ambiguo e polivalente (capitolo 1), si riporta un rapido excursus sulle maggiori scuole di pensiero, sociologiche e psicologiche, in merito esclusivamente al tema della devianza (capitolo 2). Verrà trattata soprattutto la “label theory” (capitolo 3), approccio sociologico dal cui relativismo parte la riflessione di questa tesi: dato per scontato questo atteggiamento di diffidenza e spesso di esclusione verso il deviante e l’importanza delle influenze sociali e culturali nella “costruzione della devianza”, come cambia tale atteggiamento in rapporto all’età?

Tesi di Laurea

Facoltà: Psicologia

Autore: Valentina Claudili Contatta »

Composta da 66 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 11533 click dal 27/02/2007.

 

Consultata integralmente 15 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.