Skip to content

La ''stra-ordinarietà'' sessuale delle persone con disabilità

Informazioni tesi

  Autore: Valentina Claudili
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Diagnosi e riabilitazione dei disturbi cognitivi
  Relatore: Giuseppe Anzera
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 125

L’argomento principale di questa tesi è la sessualità nella disabilità, affrontata da un punto di vista decisamente “stravolgente”, ovvero che riflette sul tema della sessualità nelle persone con disabilità non solo superando il mito dell’asessualità di queste presone, ma proseguendo, con decisione e provocazione, talmente oltre da raggiungere quello che chiameremo, nel quarto capitolo, il “sorpasso sessuale”: non solo le persone con disabilità mantengono, più o meno inalterate le proprie funzioni ed aspettative sessuali, ma, nell’intento di superare ostacoli e limitazioni legate alla disabilità, vengono immancabilmente a scoprire orizzonti più creativi e personali, non solo relativi al rapporto sessuale in sé, ma a tutto ciò che la sessualità ingloba nella sua estrema complessità.
La disabilità quindi potrà essere un’occasione per rimettere in gioco non solo “posizioni erotiche”, ma anche stereotipi e pregiudizi sociali comunemente accettati dalla popolazione “normale” che vi si ritrova più acriticamente immersa, o meglio, sommersa. La disabilità, imponendo di per sé una diversità personale e relazione, rende inevitabile una critica e quindi revisione di tutte le convenzioni sociali e culturali, favorendo una loro integrazione nella unicità ed originalità tipica di ciascuna persona.
Senza tralasciare il vissuto di sofferenza psicologica, la presenza di stereotipi culturali invalidanti e discriminatori e di barriere architettoniche insite nella società, le conseguenti difficoltà nell’ambito dell’integrazione sociale, lo sforzo familiare ad accettare ed accogliere la disabilità e la sua cura, le alterazioni fisiche, sensoriali e/o intellettive ad essa intrinseche, senza omettere quindi quel sentimento di frustrazione e le difficoltà che caratterizzano tale condizione, soprattutto nella sfera sessuale, analizzeremo anche, e più in dettaglio, quello che chiameremo il rovescio della medaglia.
È su questo lato che si intravedono biografie di persone con disabilità positive ed affermative, che raccontano la loro intima e personale conquista di uno stato di benessere, sessuale e più globale, unico ed inequivocabile, che parlano della loro disabilità come di una condizione particolare di vita che nella loro esperienza personale le ha rese “stra-ordinarie”.
È questo il lato della disabilità spesso trascurato e non ancora adeguatamente enfatizzato, almeno dalla letteratura italiana, dove molto si legge nell’ambito teorico-scientifico sulla critica ai vecchi stereotipi , ma ancora poco si riscontra nella pratica quotidiana, ovvero negli ambienti familiari, scolastici ed assistenziali….
Racconti, interviste, poesie, dati statistici e ricerche dunque si alterneranno per evidenziare la disabilità nella sua interezza: una medaglia con due lati. Da una parte la drammaticità reale ed oggettiva di tale condizione, legata alla disabilità in sé e al contesto psicologico, familiare e sociale, ma dall’altra parte la probabile e possibile rivalsa, oggi ancora una voce fioca e debole, ma reale ed oggettiva tanto quanto l’altra.

Cogliendo l’occasione di un ribaltamento culturale, non ci limitiamo a sovvertire lo stereotipo di “drammaticità” della disabilità ma, trattando il tema della sessualità e marginalmente il tema dell’identità di genere, sovvertiamo anche il tendenziale “maschilismo” insito nel linguaggio occidentale, che predilige soggetti e aggettivi al maschile, enfatizzando quella invisibilità dell’universo femminile di cui parleremo.
Per dirla alla Marco Lombardo Radice, la sessualità stra-ordinaria delle persone con disabilità non è un’ambizione teorica, ma una “concretissima utopia”!

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
8 INTRODUZIONE L’argomento principale di questa tesi è la sessualità nella disabilità, affrontata da un punto di vista decisamente “stravolgente”, ovvero che riflette sul tema della sessualità nelle persone con disabilità non solo superando il mito dell’asessualità di queste presone, ma proseguendo, con decisione e provocazione, talmente oltre da raggiungere quello che chiameremo, nel quarto capitolo, il “sorpasso sessuale”: non solo le persone con disabilità mantengono, più o meno inalterate le proprie funzioni ed aspettative sessuali, ma, nell’intento di superare ostacoli e limitazioni legate alla disabilità, vengono immancabilmente a scoprire orizzonti più creativi e personali, non solo relativi al rapporto sessuale in sé, ma a tutto ciò che la sessualità ingloba nella sua estrema complessità. La disabilità quindi potrà essere un’occasione per rimettere in gioco non solo “posizioni erotiche”, ma anche stereotipi e pregiudizi sociali comunemente accettati dalla popolazione “normale” che vi si ritrova più acriticamente immersa, o meglio, sommersa. La disabilità, imponendo di per sé una diversità personale e relazione, rende inevitabile una critica e quindi revisione di tutte le convenzioni sociali e culturali, favorendo una loro integrazione nella unicità ed originalità tipica di ciascuna persona. Senza tralasciare il vissuto di sofferenza psicologica, la presenza di stereotipi culturali invalidanti e discriminatori e di barriere architettoniche insite nella società, le conseguenti difficoltà nell’ambito dell’integrazione sociale, lo sforzo familiare ad accettare ed accogliere la disabilità e la sua cura, le alterazioni fisiche, sensoriali e/o intellettive ad essa intrinseche, senza omettere quindi quel sentimento di frustrazione e le difficoltà che caratterizzano tale condizione, soprattutto nella sfera sessuale, analizzeremo anche, e più in dettaglio, quello che chiameremo il rovescio della medaglia. È su questo lato che si intravedono biografie di persone con disabilità positive ed affermative, che raccontano la loro intima e personale conquista di uno stato di benessere, sessuale e più globale, unico ed inequivocabile, che parlano della loro disabilità come di una condizione particolare di vita che nella loro esperienza personale le ha rese “stra-ordinarie”. È questo il lato della disabilità spesso trascurato e non ancora adeguatamente enfatizzato, almeno dalla letteratura italiana, dove molto si legge nell’ambito teorico-scientifico sulla critica ai vecchi stereotipi , ma ancora poco si riscontra nella pratica quotidiana, ovvero negli ambienti familiari, scolastici ed assistenziali….

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

antropologia
differenze di genere
disabilità
diversabilità
femminile
maschile
modello medico
modello sociale
omosessualità
psicologia
psicologia sociale
sessualità
sessualità alternativa
sessualità positiva
tantra

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi