Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il cane come co-terapeuta nell'autismo

La tesi si sviluppa con una panoramica generale sulla pet therapy, gli ambiti di applicazione, la strutturazione degli interventi per poi concentrarsi sulla terapia assistita dal cane applicata all'autismo, considerando le valenze del cane quale co-terapeuta e mediatore pre simbolico. Si analizzano in conclusione le più significative esperienze italiane.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha stabilito che il concetto di salute di un individuo non è limitato all’assenza della malattia, ma si estende al benessere psico-fisico, quindi anche al diritto di godere di una qualità di vita adeguata alle risorse disponibili sul territorio. Tra queste risorse figurano certamente gli animali, il cui ruolo sociale è mutato profondamente negli ultimi decenni. Si è parlato infatti sempre più spesso di un nuovo rapporto uomo- animale di tipo affettivo-emozionale, all’interno del quale si è inserita la Pet Therapy, ovvero l’uso terapeutico degli animali da compagnia. Questa, recentemente diventata oggetto di attenzione da parte di specialisti e ricercatori, nonchè delle Istituzioni, è stata correttamente rinominata con l’appellativo Attività e Terapie Assistite dagli Animali (AAA/AAT), diventando un valido mezzo di co-terapia negli ambiti più disparati, dagli anziani affetti da Sindrome di Alzheimer, ai bambini ospedalizzati, ai tossicodipendenti, ai depressi, ai soggetti autistici. La Pet Therapy non è invasiva, cerca di migliorare l’esistenza delle persone armonizzandosi con le condizioni socio-sanitarie già esistenti, inserendosi quindi in un ben definito progetto educativo. Per una sua corretta applicazione è necessario avvalersi di numerose figure professionali, ciascuna con competenze specifiche, le quali andranno a costituire un’équipe di lavoro di carattere multidisciplinare. Gli animali impiegati nei progetti di AAA/AAT sono i più disparati (cani, gatti, conigli, ecc.) e vengono scelti a seconda delle caratteristiche dell’utenza da trattare e degli obiettivi che si vogliono

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Letizia Galanzino Contatta »

Composta da 90 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 12095 click dal 27/02/2007.

 

Consultata integralmente 44 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.