Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il cinema di Terry Gilliam: isotopie dell' "altrove" e analisi di "Brazil"

Il cinema di Terry Gilliam: figure ricorrenti, interazioni tra i personaggi, analogie con la pittura e peculiarità dell'autore. Credo che queste pagine possano illustrare, vista la carenza di opere specialistiche, la produzione cinematografica di un grande “visionario” dei nostri tempi.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 2 Introduzione Non accade frequentemente che l’opera di un regista, per il suo stile particolare, il corpus di tematiche e la difficoltà di essere inclusa in un genere preciso, venga definita con un aggettivo, un neologismo atto a descriverla. Al cinema di Terry Gilliam è successo. Il termine gilliamèsque è diventato d’uso abbastanza comune, prima sulle riviste francesi e poi anche su quelle anglosassoni. “Sono un regista ‘gilliamèsque’!”, afferma scherzosamente in un’intervista 1 . E chi conosce il suo cinema sa quanto questo neologismo, che in questa tesi ricorrerà più volte, sia utile a descrivere un cinema che è commedia, ma fino ad un certo punto; che è fantastico e a volte fantascientifico, ma con delle precise variazioni del genere; che è epico e ironico allo stesso tempo. Tutto ciò comporta un melange, una mescolanza (di generi, di elementi eterogenei nella scenografia, di epoche temporali…) che è una caratteristica assai “gilliamesca”, di cui si parlerà nel primo capitolo. 1 Intervista di M. J. Simpson, “SFX” n°12, aprile ’96. Riportato da Fabrizio Liberti, “Tra realtà e sogno”, su “Cineforum” n.° 354, ’96, pag. 32.

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere

Autore: Andrea Miletto Contatta »

Composta da 206 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1364 click dal 01/03/2007.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.