Skip to content

La politica sanitaria in Italia: tre modelli regionali a confronto

Informazioni tesi

  Autore: Giuseppina Pagnano
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi di Perugia
  Facoltà: Scienze Politiche
  Relatore: Roberto Segatori
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 120

Il modello di assistenza sanitaria, generale e gratuita, in linea di principio costituisce una conquista notevole delle politiche moderne. L’impatto, tuttavia, che tale sistema ha sui costi e sui livelli di prestazioni ha imposto nel corso degli anni una serie di riforme e favorito l’affermazione di alcuni principi dell’economia di mercato per provare ad arginare le inefficienze e gli sprechi spesso connaturati nel modello di sviluppo improntato sull’interventismo pubblico nell’economia.
Nel primo capitolo della mia tesi percorro le tappe più importanti della politica sanitaria in Italia, a partire dalla legge 833 del 1978 che istituisce il Sistema sanitario nazionale e sancisce l’abbandono del sistema mutualistico. Nell’assetto del nuovo Ssn lo Stato programma, coordina e finanzia l’intero sistema, mentre le Regioni recepiscono le direttive nazionali e provvedono ad istituire le Unità sanitarie locali.
Nel corso degli anni Ottanta una serie di problemi di carattere istituzionale ed organizzativo ha portato, soprattutto per ragioni di contenimento dei costi e di controllo della spesa, alle due grandi ondate riformistiche degli anni Novanta. Così il D.Lgs. 502/92 introduce i concetti di azienda e di concorrenzialità anche in sanità; rafforza in modo sostanziale le competenze regionali, costituendo un secondo livello di programmazione che è il Piano Sanitario Regionale; istituisce nuovi criteri di finanziamento e di spesa, regionalizzando l’indebitamento, e, nell’ottica dell’ efficienza ed economicità volute dal legislatore, prevede l’accreditamento degli operatori privati.
Il successivo D.Lgs. 229/99, anche detto riforma ter, va a completare alcune questioni lasciate aperte dal precedente decreto, sia riguardo al processo di aziendalizzazione che riguardo al processo di rafforzamento regionale, che fa sì che non vi sia più un unico modello sanitario nazionale ma tanti quante sono le Regioni. L’argomento più forte in difesa del processo devolutivo resta indubbiamente la vicinanza tra governanti e governati e la conseguente maggiore possibilità di monitorare il legame tra costi e benefici, in una dinamica che avrebbe l’effetto di rendere gli amministratori locali più responsabili nei loro comportamenti.
A tal proposito, nei capitoli successivi, ho scelto di analizzare, singolarmente e comparativamente, tre realtà regionali, diverse per posizione geografica, per capitale culturale, sociale e politico, per modello sanitario adottato: Campania, Umbria e Lombardia.
L’ analisi è partita, per ognuna delle tre Regioni, dalle rispettive leggi regionali di riordino del servizio sanitario, successive al D.Lgs. 502/92, per poi proseguire attraverso lo studio dei Piani Sanitari Regionali di più recente emanazione.
Il Piano Sanitario Regionale è il cardine della programmazione sanitaria regionale, in quanto da esso dovrebbero discendere tutte le scelte di governo della sanità; in questa prospettiva i piani costituiscono un osservatorio privilegiato sulle politiche sanitarie delle singole regioni e sui diversi modelli originati dalla devoluzione.
La valenza dell’analisi dei piani è anche quella di far emergere il metodo con cui i policy makers definiscono la strategia di risposta al bisogno di salute: si ricerca la massimizzazione del benessere collettivo (dato il vincolo di bilancio rappresentato dalle risorse disponibili) oppure soltanto l’esigenza di adempiere ad una disposizione normativa?
La metodologia utilizzata si basa su una serie di indicatori tratti dall’analisi dei Piani sanitari, quale traccia per la lettura e comparazione delle Regioni prese in esame. Attraverso l’analisi del territorio e del quadro epidemiologico, delle finalità e degli obiettivi del piano, della spesa e del rapporto pubblico-privato, ho evidenziato analogie e differenze tra i tre sistemi sanitari scelti, valutando che non sempre le Regioni sembrano sfruttare a pieno le potenzialità dello strumento rappresentato dai piani.
La scelta della programmazione (PSN e PSR) quale strumento di governance è stata da tempo fortificata da una previsione normativa; previsione che, tuttavia, sembra essere solo minimamente rispettata. I ritardi nel far decollare la pianificazione e i frequenti vuoti tra un ciclo di programmazione ed il successivo testimoniano la scarsa convinzione dei policy maker (nazionale e regionale) dell’utilità di questo strumento per il governo del Servizio Sanitario.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione I temi più o meno direttamente collegati alle istituzioni di tutela della salute emergono con notevole frequenza all’attenzione dell’opinione pubblica. Possono riguardare dalle questioni bioetiche alle medicine alternative, dal forte incremento della spesa sanitaria al rapporto tra le strutture pubbliche e private, dalle strategie per far fronte alle emergenze sanitarie ai casi di malasanità, fino ad arrivare al recente scandalo del Policlinico Umberto I di Roma. Tutto questo mette in luce non solo la centralità della politica sanitaria nel dibattito politico, ma anche come spesso in essa siano in discussione problemi e contraddizioni che sono più generali e comuni all’intero edificio del Welfare State. Il modello di assistenza, generale e gratuita, in linea di principio costituisce una conquista notevole delle politiche moderne. L’impatto, tuttavia, che tale sistema ha sui costi e sui livelli di prestazioni ha imposto nel corso degli anni una serie di riforme e favorito l’affermazione di alcuni principi dell’economia di mercato per provare ad arginare le inefficienze e gli sprechi spesso connaturati nel modello di sviluppo improntato sull’interventismo pubblico nell’economia. Nel primo capitolo percorro le tappe più importanti della politica sanitaria in Italia, a partire dalla legge 833 del 1978 che istituisce il Sistema sanitario nazionale e sancisce l’abbandono del sistema mutualistico. Nell’assetto del nuovo Ssn lo Stato programma, coordina e finanzia l’intero sistema, mentre le Regioni recepiscono le direttive nazionali e provvedono ad istituire le Unità sanitarie locali. Nel corso degli anni Ottanta una serie di problemi di carattere istituzionale ed organizzativo ha portato, soprattutto per ragioni di contenimento dei costi e di controllo della spesa, alle due grandi ondate riformistiche degli anni Novanta. Così il D.Lgs. 502/92 introduce i concetti di azienda e di concorrenzialità anche in sanità; rafforza in modo sostanziale le competenze regionali, costituendo un secondo livello di programmazione che è il Piano Sanitario Regionale; istituisce nuovi criteri di finanziamento e di spesa, regionalizzando l’indebitamento, e, nell’ottica dell’ efficienza ed economicità volute dal legislatore, prevede l’accreditamento degli operatori privati.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

asl
campania
confronto
governo clinico
leggi sanitarie
lombardia
malattie
piano sanitario
politica sanitaria
politica sanitaria in campania
politica sanitaria in italia
politica sanitaria in lombardia
politica sanitaria in umbria
rapporto pubblico-privato
riordino del sistema sanitario
sanità
sistema sanitario in italia
spesa
spesa sanitaria
umbria

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi