Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Mappa della trasparenza europea. Analisi, comparazione di casi e proposte

Con quali strumenti è possibile misurare la trasparenza degli Stati membri dell’UE? La tesi si inserisce nel dibattito sul progetto europeo e propone un indice statistico per tracciare la mappa della trasparenza in Europa.

L’influenza che l’attività dell’Unione europea ha nella vita quotidiana dei cittadini è enorme, ma si registra un crescente problema di connessione con l’opinione pubblica, come hanno dimostrato la scarsa partecipazione alle elezioni europee nel 2004, i no ai referendum sulla Costituzione in Francia e Olanda del 2005, i sondaggi sull’opinione Eurobarometro e numerosi studi e ricerche condotti a livello nazionale.
La tesi aspira ad approfondire il tema della trasparenza, scegliere strumenti di misura adeguati e tracciare una mappa della trasparenza in Europa. Nella prima parte, l’analisi dell’opinione pubblica ha l’intento di confermare la necessità dell’Unione europea di rendere visibile il proprio operato e di garantire un alto grado di trasparenza e di controllo da parte dei cittadini. Fa seguito la trattazione dell’importante principio giuridico della trasparenza e delle sue applicazioni e implicazioni (ad esempio, la gestione dei fondi comunitari): dalla legislazione comunitaria sull’accesso, fino all’iniziativa europea per la trasparenza del Commissario Kallas.
Non c’è trasparenza senza accesso alle informazioni e ai documenti, la seconda parte è quindi dedicata all’analisi e comparazione delle legislazioni nazionali sull’accesso negli Stati membri. E’ infatti opinione comune che i rapporti tra gli Stati e i cittadini possano avvenire solo in un contesto in cui la trasparenza delle istituzioni sia salvaguardata.
La terza parte individua ed esamina l’indice della libertà di stampa dell’organizzazione “Reporters sans frontières” e il progetto anglo-danese farmsubsidy, che persegue l’obiettivo di raccogliere i dati sui pagamenti e i beneficiari della politica agricola europea e di renderli disponibili e accessibili ai cittadini attraverso il sito Internet.
La ricerca e l’analisi dei tre strumenti ha permesso di creare un indicatore statistico che, applicato ad ogni paese, misura il grado di apertura e trasparenza. Il risultato dell’esperimento è la mappa della trasparenza europea, una mappa dell’Europa caratterizzata da diversi raggruppamenti di Stati.
In chiusura il lavoro propone alcuni suggerimenti e riflessioni. Alcuni problemi legati alla trasparenza sono il risultato di un sistema burocratico di governo che per cambiare necessita anche di condivisione e partecipazione da parte degli Stati. Senza trasparenza la democrazia non funziona. Ma gli Stati membri sono realmente pronti a pagare il prezzo della democrazia e a cambiare il loro atteggiamento, a volte passivo altre ostile, nei confronti della trasparenza sulle questioni europee? La sfida è enorme. Il concetto di “sfera pubblica europea”, inteso come uno spazio di dibattito tra i cittadini e di interazioni con le istituzioni sulle questioni più importanti, è fondamentale perché su di esso si costruisce la società civile.

Mostra/Nascondi contenuto.
Mappa della trasparenza europea, tesi di master di Pierina Petruzzi 3 Introduzione L’influenza che l’attività dell’Unione europea ha nella vita quotidiana dei cittadini è enorme, ma si registra un crescente problema di connessione con l’opinione pubblica, come hanno dimostrato la scarsa partecipazione alle elezioni europee nel 2004, i no ai referendum sulla Costituzione in Francia e Olanda del 2005, i sondaggi sull’opinione Eurobarometro e numerosi studi e ricerche condotti a livello nazionale. Il progetto europeo, condotto sul piano storico da élite politiche ed economiche, appare sempre meno sostenuto dal grande pubblico che perde fiducia nell’Unione europea. L’ascolto dei cittadini e la trasparenza sono da più parti sostenuti come rimedi strategici per colmare il deficit di fiducia. Le esigenze di trasparenza richiedono lo sviluppo di una nuova cultura in alcuni Stati membri. Altri paesi sono tradizionalmente attenti ai cittadini e la loro presenza nell’Unione contribuisce a promuovere il principio della trasparenza su tutto il territorio europeo. La tesi aspira ad approfondire il tema della trasparenza, scegliere strumenti di misura adeguati e tracciare una mappa della trasparenza in Europa. Nella prima parte, l’analisi dell’opinione pubblica ha l’intento di confermare la necessità dell’Unione europea di rendere visibile il proprio operato e di garantire un alto grado di trasparenza e di controllo da parte dei cittadini. Fa seguito la trattazione dell’importante principio giuridico della trasparenza e delle sue

Tesi di Master

Autore: Pierina Petruzzi Contatta »

Composta da 148 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1701 click dal 06/03/2007.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.