Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'Italia, la Francia e la Prima Guerra Mondiale

La tesi è in Storia delle Relazioni Internazionali, dibattuta il 17/03/1999 ha ottenuto il massimo dei voti (8 punti), gran parte delle fonti è in lingua francese.

La ricostruzione dei fatti attraverso la consultazione dei documenti diplomatici:
I rapporti diplomatici tra Italia e Francia durante la prima guerra mondiale ovviamente furono il risultato e la conseguenza dei rapporti delle due nazioni con le altre potenze europee: ricostruire tali rapporti, generati il più delle volte dai tanti retroscena ed obiettivi reconditi dei vari capi di governo, non può prescindere da una attenta lettura della corrispondenza diplomatica, nella quale però bisogna saper cogliere appunto le reali intenzioni, o meglio gli interessi economici che di fatto muovevano la diplomazia dell'epoca. Per cogliere tali retroscena, bisogna sì tener conto della corrispondenza diplomatica dell'epoca, ma contemporaneamente aiutarsi con i testi di autorevoli storici che bene hanno colto le reali motivazioni di alcune alleanze, di alcune decisioni politiche, che hanno fatto la storia di tale periodo.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE La prima guerra mondiale è senz’altro l’avvenimento che ha maggiormente modificato i parametri politici ed economici di un’epoca, di un secolo intero, molto più di quanto avrebbe fatto il secondo conflitto, a tal punto che la storia può essere divisa in pre 1918 e post 1918. Molti sostengono che a far scoppiare il primo conflitto mondiale sia stato l’attentato di Sarajevo del 28 giugno 1914. A dire il vero, si trattò di un attentato terroristico molto simile a tanti altri di matrice anarchica che avevano già mietuto numerose vittime fra governanti e monarchi del passato. A differenza degli altri però, questo episodio si trasformò in un caso internazionale che, nel giro di pochissimi giorni, mise in moto una catena di reazioni e controreazioni che precipitarono in un conflitto di proporzioni mai viste. La successione degli eventi fu talmente rapida da lasciar intendere che le cause vere del conflitto fossero evidentemente da ricercare altrove: in realtà infatti, il sistema bismarkiano era ormai giunto alla disgregazione finale, ed i Balcani erano diventati “l’area calda” europea, ovvero il terreno di confronto tra i due

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Vincenzo Barletta Contatta »

Composta da 228 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 9895 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.