Skip to content

Etnografia organizzativa: analisi del processo decisionale in un servizio pubblico.

Informazioni tesi

  Autore: Paola Ventura
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia
  Relatore: Alessandra Talamo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 80

La ricerca svolta si può collocare nell’ambito della psicologia culturale, e dato che il contesto d’indagine è un’organizzazione l’approccio teorico di riferimento è la psicologia culturale delle organizzazioni.
Con questo lavoro di ricerca si è voluto dimostrare come il processo decisionale in ambito clinico sia vissuto come un momento collettivo e negoziato che non può prescindere dal contesto in cui agiscono gli attori sociali. In particolare si sono analizzate le pratiche di lavoro d’équipe di un servizio pubblico partendo dall’ipotesi che il processo decisionale in quell’ambito sia un incontro tra le valutazioni degli operatori, le richieste degli utenti e le offerte delle strutture esterne.
La ricerca è stata svolta sull’analisi di interviste narrative, somministrate a quattro operatori sulle pratiche del lavoro d’équipe. I soggetti lavorano nel Centro Diurno e di Pronta Accoglienza per tossicodipendenti dove ho svolto il tirocinio.
In linea con quanto ho detto la scelta metodologica ricade sull’etnografia organizzativa in quanto utilizza le azioni sociali, i simboli, gli artefatti e le pratiche quotidiane come rappresentazioni di una cultura condivisa e negoziata tra gli attori sociali. Inoltre intrinseca alla metodologia è la valorizzazione dell’interpretazione degli agenti sociali del contesto in cui lavorano. A tal fine ho somministrato l’intervista narrativa in quanto attraverso un racconto autobiografico permette di raccogliere informazioni circa il contesto, gli attori sociali e le interazioni tra essi. Le aree indagate durante l’intervista riguardano i momenti in cui vengono prese le decisioni soffermandosi sulle negoziazioni utilizzate, sul ruolo dell’utente e sulle criticità del contesto.
Attraverso l’analisi delle trascrizioni delle interviste emerge una visione condivisa del processo decisionale vissuto come un momento collettivo.
Infatti un dato rilevante è la centralità degli incontri di Staff caratterizzati da una riflessione collettiva e condivisa e un confronto paritario tra tutti gli operatori. Riflessione che interessa sia i casi che la filosofia d’intervento del servizio stesso. Come è stato più volte sottolineato da tutti i soggetti durante le interviste, è indispensabile, per il funzionamento del lavoro d’équipe, condividere la stessa filosofia d’intervento anche come linea guida da seguire nei rapporti con la altre strutture o in caso di decisioni individuali. È opportuno sottolineare come la strategia d’intervento viene spesso ridiscussa proprio per la flessibilità intrinseca al servizio stesso e per l’importanza che viene data all’individuo e alle sue caratteristiche. In questo modo si personalizza il programma terapeutico in base all’utente e alle sue esigenze considerando anche gli ostacoli o le facilitazioni che derivano dagli inevitabili rapporti con le altre strutture.
Il tema della flessibilità conferma l’ipotesi sostenuta che vede il processo decisionale come un incontro tra tre attori principali: operatori, utenti e strutture.
Infatti altri due dati rilevanti riguardano proprio l’influenza degli utenti e delle strutture esterne nel processo decisionale.
In riferimento agli utenti è stato più volte sottolineato come siano fautori del proprio programma terapeutico decidendone la modalità, i tempi e l’intensità di partecipazione, anche attraverso le richieste esposte, la domanda portata e le esigenze individuali. È percepita molto forte la presenza dell’utente soprattutto durante le riunioni di Staff, durante i quali avviene il monitoraggio del percorso di ognuno seguendone ogni cambiamento. Inoltre vengono riportate alle riunioni tutte le richieste esplicitate durante la settimana o durante i gruppi e si riflette, a volte anche insieme all’utente stesso, sui significati da attribuire ad ogni richiesta e sulla risposta effettiva da dare all’utente. Inoltre è sensato dire che c’è un incontro e un’integrazione tra il processo decisionale dell’utente stesso e quello degli operatori che ha come risultato la decisione circa il percorso terapeutico da seguire.
Per quanto riguarda i rapporti con le altre strutture, un dato rilevante è rintracciabile nella condivisione delle problematiche legate alla gestione del servizio stesso o ai rapporti con le altre strutture, compito di pertinenza del responsabile che invece condivide con l’équipe. Le problematiche affrontate possono riguardare sia gli invii degli utenti che le diverse modalità di lavoro delle altre strutture.
Concludendo, i risultati delle analisi hanno confermato come il processo decisionale nei contesti socio-sanitari sia un momento collettivo e negoziato.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione Il tema della presente ricerca riguarda l’analisi del processo decisionale adottato dall’équipe di un Centro Diurno di Pronta Accoglienza per tossicodipendenti, dove io ho svolto il tirocinio. Il focus inerente alle pratiche del lavoro d’equipe, si sofferma in particolare sulle decisioni circa il percorso degli utenti. L’ipotesi sostenuta è che la presa di decisione in ambito organizzativo, in maniera specifica nei contesi socio-sanitari, sia un processo collettivo e contestualizzato, inoltre le decisioni prese sono condivise e contrattate. Questo tema, sembra non essere stato preso in considerazione nell’ambito della ricerca psicologica quanto in quella sociologica ed economica, ed anche in questi casi i contesti erano principalmente aziende con riferimento ai livelli dirigenziali. L’approccio teorico di riferimento è la psicologia culturale, in particolare la psicologia culturale delle organizzazioni. Il punto di partenza è analizzare le organizzazioni come culture e le pratiche quotidiane agite dagli attori sociali all’interno delle organizzazioni come risultato delle continue costruzioni e negoziazioni all’interno del sistema. Nel primo capitolo esporrò la teorizzazione della psicologia culturale sulle organizzazioni in un’ottica postmoderna ed emica che evidenzia l’inscindibilità della cultura dalle azioni sociali. Nel secondo capitolo mi soffermerò sulla metodologia utilizzata: l’etnografia organizzativa. La scelta metodologica è intrinseca alla metodologia in quanto l’etnografia parte dal presupposto che per conoscere una cultura sono indispensabili le interpretazioni degli attori sociali stessi. Inoltre occupandosi di organizzazioni, punta a raccogliere dati sulle azioni sociali, sugli artefatti, i simboli e le attività quotidiane come rappresentazioni della cultura, ricchi di un significato negoziato e condiviso tra gli attori sociali.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

contesti socio-sanitari
etnografia organizzativa
intervista narrativa
processo decisionale
psicologia culturale

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi