Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Gli Intermediari Finanziari: La Banca

La tesi parla degli intermediari finanziari, identificando i soggetti appartenenti con le loro relative caratteristiche sia dei requisiti normativi richiesti dallo stato sia nel loro svolgimento delle attività e servizi che propongono.
La parte centrale è quella riferita alla Banca quale operatore finanziario a tutti gli effetti e con l'introduzione del testo Unico in materia di Intermediazione Finanziaria gli è stata riconosciuta un'operatività a tutto campo che va dalla negoziazione per conto proprio e per conto terzi nei mercati regolamentati, ai servizi di pagamento, al leasing al factoring, all'acquisto di parteciapzioni al capitale di rischio delle imprese.
L'attività bancaria varia in relazione della categoria di clienti da soddisfare infatti possiamo distinguere attività al dettaglio come la banca on-line, phone-baking, retail baking, mentre come attività all'ingrosso si può avere wholsalse baking.
Si hanno diversi modelli bancari da me individuati banca specializzata, banca universale e gruppi bancari e finanziari.
Inultimo ho effettuato un intervista ad un direttore di filiale dove è emerso che oggi l'arma vincente della banca è la capacità di pubblicizzare i propri servizi e prodotti in modo tale da attrarre il cliente e poter espandere il proprio ruolo nel mercato finanziario.
Occorre avere del personale effciente e cordiale con il pubblico per avere la fidelizzazione del cliente, e per essere competitivi nel mercato finanziario, visto che al giorno d'oggi le imprese bancarie costituiscono dei gruppi finanziari veri e propri per contrastare la concorrenza nel mercato e per essere maggiormente coperti a rischi di fallimento

Mostra/Nascondi contenuto.
1 1. Introduzione In questo paper si cercherà di dimostrare come l’evoluzione in atto del sistema bancario, l’orientamento strategico, gli aspetti organizzativi, il ruolo dell’attività di mercato, l’espansione territoriale delle banche e la collaborazione tra le banche e le imprese, siano divenute le arterie portanti dell’economia. Nella ricerca, si evidenzierà come rinomati economisti affrontano l’argomento “Banca”, avvalendosi di strutture gerarchizzate che vanno dai modelli ai prodotti, per poi concentrarsi sulla struttura vera e propria del mercato bancario. In ultimo, si effettuerà un’intervista ad un direttore di banca, consapevole del fatto che il dialogo sia alla base di ogni ricerca e che nel caso specifico mi possa meglio far comprendere i rapporti che l’impresa bancaria ha con il cliente, inteso come target ovvero l’utente finale a cui rivolgere la propria offerta. 2. Gli Intermediari Finanziari Protagonisti dei mutamenti della struttura dell’intermediazione finanziaria sono gli anni 90; a partire dal 1991 1 , numerosi sono stati gli interventi legislativi che hanno attribuito al settore dell’intermediazione finanziaria un ruolo sempre più attivo nelle scelte d’investimento. Oggi, gli intermediari finanziari rivestono principalmente il ruolo di “gestori di risorse”, esempio eclatante in tal senso è l’importanza acquisita nell’ambito dei servizi di gestione del risparmio. I soggetti del mercato finanziario richiedono una classificazione al fine di una loro corretta definizione e strutturazione, così di seguito elencata: • La Banca • Le Società di Gestione del Risparmio • Le Società d’Investimento a Capitale Variabile (SICAV) • I Fondi Pensione • Le Società d’Intermediazione Mobiliare (SIM) • Le Società Fiduciarie 1 Oltre alla Legge 2 gennaio 1991, n. 1, di riforma dei mercati mobiliari, si ricordano il Testo Unico in materia bancaria, D.lgs, 1° settembre 1993, n.385, il D.lgs. 14 luglio 1996, n.415, (Eurosim) relativo all’intermediazione mobiliare e alla privatizzazione della Borsa Valori, fino al Testo Unico della finanza, D.lgs. 20 febbraio 1998, n.58, che ha profondamente riformato il comparto della gestione collettiva del risparmio e le regole di funzionamento e di trasparenza dei mercati regolamentati.

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Daniele Castorina Contatta »

Composta da 41 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5583 click dal 09/03/2007.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.