Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'azione sociale ambientalmente corretta: il caso della separazione dei rifiuti a Lipsia ed a Trento

La tesi presenta, inserandole in un quadro teorico ampio, due ricerche empiriche sui motivi dell'azione ambientalmente corretta di separazione dei rifiuti domestici, condotte dall'autore a Lipsia e a Trento. Due approcci sociologici sono messi a confronto: la teoria della scelta razionale e le teorie normative-valoriali dell'azione. Un modello finale, ripreso da Ajzen, unifica statisticamente i due approcci rendendone possibile una loro valutazione.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione Il fine della presente ricerca è la spiegazione razionale di una singola azione sociale proambientale: la raccolta differenziata dei rifiuti solidi urbani. I dati provengono da due indagini postali successive: la prima condotta nella città tedesca di Lipsia in Sassonia nell’inverno del 1997, la seconda in quella italiana di Trento nella primavera del 1998. Nel primo capitolo forniremo, su basi logiche serie ma non approfondite, una definizione di azione ed uno schema di comprensione razionale dell’agire umano. Di seguito, avvalendoci delle riflessioni di alcuni teorici individualisti, cercheremo di includere “il sociale” sia nel concetto di azione sia nello schema di spiegazione, giungendo così ad una definizione del termine “azione sociale” utilizzato in questo lavoro. La seconda parte del capitolo è dedicata invece all’analisi di quella che abbiamo chiamato “ideologia dell’ambientalmente corretto”: una comunicazione demodalizzata sul proprio ambiente che interessa persino la specifica azione che è oggetto della presente tesi. Essendo inoltre frequente la richiesta di norme sociali che regolino i comportamenti degli attori nei confronti del comune ambiente di vita, il capitolo si conclude con una breve risposta alla questione se queste ipotetiche norme corrispondano o meno agli interessi degli attori in gioco nell’azione di separazione dei rifiuti. Nel secondo capitolo, dopo aver posto in evidenza, con una breve panoramica sullo stato ricerca in campo ambientale, l’aspetto teorico di maggiore interesse, connesso con “l’ideologia dell’ambientalmente corretto”, che è la relazione “disposizioni – comportamento”, oppure, in senso più generale e con linguaggio sociologico, “valori e stili di vita – comportamento”, presentiamo lo schema esplicativo di riferimento delle due indagini empiriche, che ben si inserisce nel quadro teorico generale delineato nel primo capitolo. La teoria di riferimento utilizzata è la Theory of Planned Behavior (TOPB) sviluppata, in varie riprese e con la collaborazione di Martin Fishbein, da Ike Ajzen. 1 Chiuderà il capitolo il tentativo di conciliare le assunzioni della teoria della scelta razionale con la presenza, nelle azioni molto ripetitive come la separazione dei rifiuti domestici, di habiti, cioè modalità di azione routinizzate. Il terzo capitolo, piuttosto corposo, è dedicato alla presentazione delle due indagini postali, della definizione operativa dei concetti implicati e dell’analisi dei dati raccolti. L’elaborazione statistica dei dati può essere suddivisa in due parti: nella prima si sottopone a verifica empirica la teoria del comportamento pianificato, (TOPB) in tre sue possibili varianti. Nella seconda invece si prenderanno in considerazioni e valuteranno alcuni miglioramenti, integrazioni ed ampliamenti di questa teoria alla luce di variabili utilitaristiche, psicologiche e sociologiche. Concluderà il capitolo la breve descrizione dei due campioni secondo gli orientamenti valoriali e gli stili di vita. 1 I. Ajzen, 1985, 1988, 1991.

Tesi di Laurea

Facoltà: Sociologia

Autore: Giacomo Gubert Contatta »

Composta da 233 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 606 click dal 21/03/2007.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.