Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il federalismo fiscale: l'Italia e l'Europa

La mia tesi tratta in maniera approfondita il tema del federalismo fiscale.Divisa in 5 capitoli, la mia tesi parte con un'analisi delle teorie scientifico-economiche che sono da supporto per l'idea di federalismo fiscale in uno stato, poi approfondisce la situazione in Italia con le recenti riforme e referendum. Successivamente tratta la situazione europea generica, con due approfondimenti per quanto riguarda le situazioni di federalismo fiscale in Germania e Spagna, due esempi importanti che riferiti all'Italia tracciano un quadro chiaro delle diverse possibili scelte di federalismo fiscale.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 1 La teoria economica del governo decentralizzato 1.1 Introduzione In questo primo capitolo analizzeremo in generale la teoria economica del governo decentralizzato. Innanzi tutto daremo uno sguardo ai principali modelli di governo possibile analizzandone i vantaggi e le criticità. Successivamente porremo l’attenzione su alcune teorie specifiche che hanno cercato di spiegare teoricamente le motivazioni del cambiamento delle preferenze verso un sistema decentralizzato piuttosto che verso un sistema centralizzato. Proseguiremo considerando praticamente come avviene il finanziamento dei governi locali, distinguendo tra finanziamento con imposte e con trasferimenti. Infine analizzeremo l’intervento pubblico all’interno dello stato decentralizzato,focalizzando l’attenzione sulle problematiche tipiche della Scienza delle finanze, ovvero equità ed efficienza. 1.2 I principali modelli di governo territoriale e i vantaggi della decentralizzazione In tutti i paesi il settore pubblico è distribuito sul territorio nazionale con modalità che possono essere diversissime, esiste cioè una struttura territoriale di governo: alcune decisioni sono prese ed attuate a livello centrale, altre decisioni sono prese ed attuate da enti pubblici situati nelle varie aree del paese. Questi enti possono avere natura diversa, ci sono, infatti, modelli diversissimi di governo territoriale, che per semplicità di analisi possiamo raggruppare in tre modelli o sistemi principali. Il primo modello è definito il sistema funzionale detto anche della deconcentrazione. Esso è tipico degli stati fortemente centralizzati. Secondo questo sistema il settore pubblico è strutturato in vari enti che hanno competenza sull’intero territorio nazionale e sono, ciascuno, dotati di una solo responsabilità o funzione. Questi enti prendono decisioni valide per l’intero territorio nazionale, che sono poi attuate dalle loro diramazioni regionali o locali. Il modello di deconcentrazione ha come obiettivo principale quello di assicurare, sull’intero territorio nazionale,una completa uniformità nell’accesso ai servizi e, se possibile, anche un livello elevato di efficienza nella fornitura. Nella realtà storica,

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Daniele Frustagli Contatta »

Composta da 75 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7750 click dal 19/03/2007.

 

Consultata integralmente 22 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.