Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il Divertinglese tra Televisione e Web

Nell'evoluzione del fenomeno mediatico, proprio dei media, particolare rilevanza ha assunto la triade Istruzione scolastica-internet-tv. Grazie al fenomeno "Remediation" disponiamo oggi di soluzioni tecnologiche d'avanguardia: basti pensare ai vari blog tv, you tube, TiVo etc...
Fra le varie sinergie mediatiche, il connubio Internet-Tv ha creato in collaborazione con alcuni enti nazionali prettamente "istituzionali" varie forme di collaborazione. Questa tesi ha voluto analizzare il "Divertinglese" come collaborazione ed integrazione tra tv e web, trattegiando le linee guida della televisione intesa come medium fondamentale;
il risultato è stato un programma, quello del Divertinglese appunto, creato e sviluppato soprattutto per bambini al fine di poter "apprendere" la lingua inglese con un approccio ludico.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 Introduzione Divertinglese: quando le televisione diventa interattiva Fin dalla sua prima apparizione, nel lontano 1954, la televisione ha rappresentato una dei mezzi di comunicazione più conosciuti ed utilizzati al mondo. Almeno nella fase iniziale la televisione italiana era una delle più pedagogiche al mondo. Le sue finalità erano certamente educative e se da un lato, non cercando il consenso dei telespettatori, era considerata soporifera, ha avuto dall’altro indubbi meriti nei confronti di una situazione di partenza di una nazione arretrata e culturalmente divisa. A partire dalla metà degli anni Ottanta inizia una rivoluzione di portata epocale e più precisamente la rivoluzione digitale applicata al campo audio-visivo, frutto anche di una “rimediazione” dei media che, come vedremo, dagli anni Novanta ha allargato ed esteso verso altri campi quelle competenze che prima erano ritenute come proprie di alcune media. Questo passo fondamentale è quello che, tra l'altro, ha reso possibile la multimedialità interattiva “on-line”. In un mondo che oggi, agli inizi del nuovo millennio, corre veloce sul filo della tecnologia e che richiede persone dotate di un alto grado di istruzione unito ad una buona padronanza delle lingue, particolare interesse sta continuando ad assumere la triade istruzione scolastica-mezzo televisivo-Web. Grazie anche alla spinta che Internet apporta quotidianamente, la televisione, con i suoi innumerevoli programmi di varia natura, è spesso finalizzata all’apprendimento di nozioni “culturali” da parte degli spettatori e nello stesso tempo si mostra aperta alle opportunità interattive e multimediali offerte dalle nuove tecnologie. Basti pensare alle sempre più evolute piattaforme digitali, come Sky o Mediaset, che della televisione generalista hanno assorbito quasi tutto ricodificandola in chiave digitale e che trasmettono una vasta gamma di

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Mario Ivan Spinelli Contatta »

Composta da 53 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3176 click dal 21/03/2007.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.