Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il Nuovo mercato: Aspetti giuridici dell'e-commerce

Internet e la società dei consumi hanno portato alla globalizzazione ed al contatto di miriadi di persone. I milioni di mercati che esistevano si stanno convogliando in unico mercato. Nel mio lavoro ho voluto dare uno spaccato di ciò che è l'e-commece, le normative in vigore, la evoluzione delle stesse e come riconoscere un valido accordo tra le parti in campo di commercio elettronico, sia in ambito di Business to Business che in campo di Business to Consumer, evidenziando la tutela dell'e-consumer. La tesi ha riscosso il voto di 108/110.

Mostra/Nascondi contenuto.
CAPITOLO I INTRODUZIONE ALL’ E-COMMERCE 1.1 Il nuovo mercato Mercato deriva da mercatum, participio passato del verbo mercari, commerciare. In origine il termine mercato sta ad indicare il luogo dove si svolgono attività commerciali caratterizzate da contrattazioni, dove i protagonisti sono i produttori, i mercanti e i privati cittadini. Già nell’antichità si trova una prima traccia di mercato basti pensare all’uomo primitivo che per la sopravvivenza interagiva con i gli altri membri della comunità costituente tramite lo scambio delle merci che avveniva con il baratto. Nel periodo Medievale, in economia curtense, chiusa ed autosufficiente, le fiere e i mercati che si tenevano in Francia e in Belgio, non avevano solo un rilievo commerciale ma servivano in particolar modo a diffondere esperienze novità culturali. Quindi fino dagli albori della civiltà l’uomo ha creato nella costituente società la cultura dello scambio delle merci. Man mano che l’impegno del proprio tempo tendeva ad orientarsi ad un specifico settore cresceva e si moltiplicavano gli individui che, invece di concentrarsi nella produzione di prodotti specifici, si specializzavano nel loro commercio, cercando oltremodo materie e prodotti provenienti da altri mercati. Questa voglia di prodotti sempre nuovi, che suscitassero l’interesse degli allora antichi consumatori, spinsero i mercanti di allora a viaggi così allucinanti e lunghi, che li portavano a stare addirittura anni fuori dalla proprie case, tanto che il mestiere del mercante era sinonimo di avventura e viaggio. Famoso fù quel Marco Polo, mercante di Venezia, che delle proprie avventure deliziò, e tuttora delizia, lettori di tutto il mondo. La ricerca di nuovi mercati sempre più lontani ha spinto quindi l’uomo a tentare a sua volta di avvicinare questi mercati fra di loro, e la tecnologia nei secoli ha aiutato sempre più questi impavidi eroi del commercio, creando nuove vie, nuovi

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Andrea Belelli Contatta »

Composta da 142 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8423 click dal 20/03/2007.

 

Consultata integralmente 36 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.