Skip to content

Potenzialità e criticità dei sistemi di corporate governance dopo la riforma societaria

Informazioni tesi

  Autore: Tommaso Caputo
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Salerno
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia Aziendale
  Relatore: Carmine Masucci
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 166

La più evidente novità della nuova normativa in materia di diritto societario, introdotta dal D. Lgs. n. 6 del 17 gennaio 2003 ed entrata in vigore a partire dal 1° gennaio 2004, è rappresentata dalla possibilità, nelle società di capitali, di optare per due sistemi di amministrazione e controllo alternativi a quello tradizionale: il sistema dualistico e quello monistico.
Questi nuovi sistemi, caratterizzati da una notevole portata innovativa, pur essendo ispirati ad ordinamenti di altri Paesi europei, non rappresentano la mera trasposizione dei modelli di governo societario adottati negli ordinamenti stranieri.
Lo stesso modello tradizionale, già conosciuto, ha subito una serie di modifiche di rilievo non secondario con riferimento al potere di gestione e di rappresentanza, nonché al regime della responsabilità.
Uno degli elementi caratterizzanti la riforma è stato, pertanto, l’introduzione della possibilità, per le società ed i lori soci, di scegliersi l’assetto organizzativo più confacente ai propri interessi; mancando, allo stato attuale, precedenti giurisprudenziali in merito ad alcuni aspetti controversi contenuti all’interno della nuova disciplina societaria, questo lavoro mira ad evidenziare i punti di forza e di debolezza dei tre diversi modelli di governance, nonché le situazioni che, di fatto, ne rendono consigliabili ed opportuna la relativa adozione.
Particolare attenzione, inoltre, è stata dedicata all’analisi delle prospettive apertesi in seguito al riconoscimento in capo alle società di capitali della possibilità di ricoprire la carica di amministratore in enti societari, possibilità questa già presente all’interno della disciplina prevista per la società europea.
Dall’analisi condotta, emergono in maniera evidente i nuovi scenari che si sono aperti relativamente alle forme di gestione e controllo nelle società di capitali.
Nonostante nella prassi ci siano state manifestazioni di interesse nei confronti di tali sistemi alternativi, è innegabile che non si è verificato, nei fatti, un significativo spostamento dal sistema tradizionale.
Sarebbe stato, d’altronde, illusorio attendersi cambiamenti repentini e così rilevanti dei modelli di governance nel breve periodo, se non altro per una questione di “path dependance”.
A ciò va aggiunto, inoltre, il continuo intervento del Legislatore, finalizzato a modificare la struttura dei due nuovi sistemi, che devono essere integrati nel contesto economico italiano, caratterizzato dalla prevalenza di piccole e medie imprese a carattere familiare, in cui di frequente la figura del proprietario coincide con quella del manager dell’impresa.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE La disciplina delle società per azioni ha subito dal 1942 una serie di interventi legislativi volti a dare risposta ai problemi ai quali il codice del 1942 non aveva saputo rispondere e a dare attuazione alle numerose direttive emanate dalla Comunità Economica Europea per l’armonizzazione della disciplina nazionale delle società di capitali. Il procedimento di riforma della disciplina nazionale iniziato nel 1974, è proseguito con numerose altre leggi fino a sfociare nel 1998 in un’organica disciplina delle società quotate (d.lgs. 24-2-1998, n.58) e nel 2003 nella riforma della disciplina delle società di capitali non quotate (d.lgs. 17-1-2003, n.6). Con riferimento alle società per azioni, tale riforma persegue espressamente l’obiettivo di “svecchiare” la loro disciplina con l’intento di farne strumenti più snelli e più flessibili e, conseguentemente, maggiormente competitivi sul mercato interno e internazionale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

collegio sindacale
comitato per il controllo sulla gestione
consiglio di amministrazione
consiglio di gestione
consiglio di sorveglianza
corporate governance
potenzialità del sistema dualistico
potenzialità del sistema monistico
s.r.l.amministrata da s.r.l.
sistema dualistico
sistema monistico
sistema tradizionale

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi