Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Fenomeni di internet dipendenza

L'utilizzo di internet ha introdotto importanti mutamenti nella vita dell'uomo come, peraltro, già avvenuto per altre innovazioni portentose del secolo scorso. L'accesso alla rete, inizialmente prerogativa degli enti militari e delle grandi compagnie commerciali è, oggi, possibile a chiunque con molteplici servizi(www,chat,giochi on.line,etc). L'interesse clinico verso il fenomeno, nato come uno "scherzo", si impone oggi nei termini di addiction ed in relazione al tema dell'identità. Per la dipendenza da internet vale quanto studiato in relazioni alle altre dipendenze e la sua comprensione dinamica è, in buona parte, comune a quella delle altre dipendenze. Particolare attenzione è stata prestata alla relazione che la dipendenza ha con il costrutto di alessitimia e con la tendenza a vivere esperienze dissociative, entrambe strettamente connesse alla qualità delle esperienze infantili ed ai legami di attaccamento sviluppati nell'infanzia. Si è, inoltre, indagata la relazione che intercorre tra internet addiction, alessitimia e vissuti dissociativi sottoponendo ad un campione una batteria di test comprendente l'I.A.T. per la dipendenza da internet, la TAS per i tratti alessitimici e la DES-II per i vissuti dissociativi, si è inoltre verificata la possibilità di accedere alla rete dei soggetti facenti parte del campione ed il maggior utilizzo che questi ne fanno.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Premessa L’utilizzo di internet ha introdotto importanti mutamenti nella vita dell’uomo, come, per altro, è già avvenuto per le altre innovazioni portentose che si sono susseguite nel secolo scorso. Basti pensare, alla diffusione della televisione, e ancor prima della radio, poi dei videogames, dei telefoni cellulari, ecc. Attribuiamo ad internet, innanzitutto, il merito di aver migliorato lo standard di vita degli individui, favorendo la comunicazione e la diffusione dell’informazione. Nella stesura stessa del presente lavoro ci si è avvalsi della potenza di questo strumento, per questo, ci si è astenuti dall’incriminarlo, coscienti che un atteggiamento di tal genere risulterebbe del tutto anacronistico, tuttavia, non si è neppure ritenuto necessario dilungarsi sui benefici da esso apportati, essendo questi ben noti a tutti. La storia di internet ha inizio alla fine degli anni ‘60, ma l’accesso alla rete è stata, inizialmente, prerogativa degli enti militari e delle grandi compagnie commerciali, le università ed i piccoli enti non commerciali hanno iniziato ad usufruirne negli anni ‘80, e solo negli anni ’90 accedere alla rete è stato possibile a tutti. Da questo momento in poi la diffusione di internet è stata rapidissima e, in meno di dieci anni, internet è divenuto parte integrante della vita quotidiana di milioni di utenti. Attualmente la rete offre molteplici servizi, dal www alle chat-line alla posta elettronica, fino ai giochi on-line, ai servizi che offrono la possibilità di fare acquisti in qualunque parte del mondo e a quelli che permettono di entrare in un casinò comodamente dalle proprie case. Le caratteristiche di internet fanno di esso, sicuramente, un mezzo ammaliante, la sua struttura di ipertesto e la sua multimedialità, superano tutti i limiti dei “vecchi” media, i confini spaziali e temporali assumono contorni più sfocati, tutto è raggiungibile ovunque con un semplice clic del mouse, per dirla in breve. Le motivazioni che hanno permesso a questo strumento di diffondersi in maniera così ampia e veloce risiedono, probabilmente, sia nella facilità d’uso, non sono, infatti, necessarie particolari conoscenze informatiche, sia nelle caratteristiche intrinseche di internet che permettono all’utente di sperimentare

Tesi di Laurea

Facoltà: Psicologia

Autore: Gabriella Freda Contatta »

Composta da 126 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7611 click dal 28/03/2007.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.