Skip to content

Rifugiati e richiedenti asilo in Italia: situazione normativa e fenomeno sociale

Informazioni tesi

  Autore: Marco Paltrinieri
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Francesco Belvisi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 233

Questo elaborato inquadra con una certa organicità la situazione giuridica e sociale del fenomeno dei richiedenti asilo e dei rifugiati in ambito internazionale, europeo e italiano, concentrandosi, in particolare, sulle novità e sui fini della procedura amministrativa introdotta con la l. 189/2002 (c.d. Bossi-Fini) e sulle problematiche emerse nei primi anni della sua applicazione, dal 2005 al 2007.
Il primo capitolo è stato suddiviso in due sezioni. La prima sezione esamina l'argomento dal punto di vista internazionalistico. Si ripercorrono le crisi che hanno prodotto il maggior numero di rifugiati dal dopo-guerra ad oggi e si contestualizzano le fonti all'interno del dibattito internazionale. Si evidenziano, inoltre, le dimensioni e le tendenze attuali assunte dal fenomeno. Infine, è approfondito il contenuto giuridico di alcuni concetti fondamentali: diritto d’asilo, principio di non refoulement, status di rifugiato.
Nella seconda sezione, si esamina brevemente il dibattito in opera a livello europeo, che fino ad oggi ha prodotto una serie di direttive, attuate o in fase di attuazione, e che dovrebbe portare alla creazione di un regime unico di asilo. Vengono, inoltre, evidenziati gli obbiettivi e le prospettive delle più recenti politiche europee, e le problematiche emergenti, connesse al livellamento verso il basso delle garanzie offerte e alla progressiva esternalizzazione delle procedure.
Nel secondo capitolo, si analizza in modo particolareggiato la normativa vigente nel nostro ordinamento, sia con riguardo agli aspetti costituzionali e giurisprudenziali, sia in relazione alle novità apportate alla procedura amministrativa, in seguito all’emanazione del d.p.r. 303 del 2004 e del d.lgs. 140 del 2005.
L’ultima parte dell’elaborato si concentra sull’esame di raccolte statistiche, prassi e casi esemplificativi, con riguardo agli anni 2005-2007. Vengono definite le dimensioni e le caratteristiche del fenomeno a livello nazionale ed è analizzato l’operato delle Commissioni territoriali. Nell'ultima parte, infine, si fa emergere come, in alcuni suoi momenti critici, vi sia stato uno scollamento tra norma astrattamente prevista e prassi realmente attuata, che ha prodotto effetti negativi sulla reale tutela conseguita nel nostro Paese dai richiedenti asilo. In sede di conclusione, ho cercato di individuare le ragioni profonde dello scollamento avvenuto, e di proporre alcune soluzioni.
-----------------------------------------------------------------------------------

L'elaborato ha ricevuto buoni riscontri sia da parte del relatore, sia da parte del controrelatore. Credo sia una tesi di utile lettura per chiunque voglia approfondire il tema del diritto d'asilo, nelle sue varie prospettive (internazionale, europea, nazionale). Se avete dubbi, o desiderate chiarimenti o suggerimenti, mi rendo ampiamente disponibile.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Il concetto di “asilo” ha radici molto antiche. Esse affondano nella antica cultura greca e nella sacralità da questa attribuita al rito dell’ospitalità. Un esempio e un riferimento continuo all’idea di asilo può essere facilmente rinvenuto nell’Odissea, dove la sua concessione o meno funge quasi da discrimine tra civiltà e barbarie. In epoche successive “asilo” continua sempre a denotare una ospitalità e una protezione offerte da alcuni soggetti ad altri che ne fanno richiesta, ma le sue caratteristiche e i suoi attori mutano per adattarsi ai diversi panorami storici, politici e sociali. In tempo paleo-cristiano e medievale l’asilo è la protezione offerta dalle chiese contro la violenze delle guerre, ma anche ai ricercati comuni da un diritto che spesso legittima la violenza. A seguito della Rivoluzione francese, diviene la protezione offerta dagli Stati più liberali “agli stranieri banditi dalla loro patria per la causa della libertà” 1 . Nella metà del secolo scorso si delinea un nuovo concetto di asilo, strettamente collegato all’idea di diritti umani universali meritevoli di garanzia internazionale, e alla nozione di “rifugiato” quale soggetto che necessita della protezione di un altro paese, avendo lasciato quello di origine a causa o per timore di persecuzioni. Questo principio venne formalizzato nel 1951 dalla Convenzione di Ginevra, a cui molti Stati aderirono allo scopo di dare una soluzione ai traumi creati delle persecuzioni della seconda guerra mondiale e ai milioni di sfollati da questa generati. Oggi, in un panorama politico profondamente mutato dall’era della globalizzazione, il dibattito sull’attuazione della Convenzione di Ginevra e sulla nozione di asilo sembrano tornare di attualità in Europa. Il concetto stesso di ospitalità sembra essere entrato in crisi, stretto tra volontà solidaristica e umanitaria da una parte, e preoccupazione per il flusso, di cui 1 Costituzione francese del 24 giugno 1793, art. 120. 1

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

asilo
c.p.t.
centri di identificazione
convenzione di ginevra
diritto d'asilo
immigrazione
l. 189/02
lampedusa
profughi
richiedente asilo
richiedenti asilo
rifugiati
tampere
unione europea

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi