Skip to content

Il Cliente Immigrato: il caso Angelo Costa

Informazioni tesi

  Autore: Emiliano Pappacena
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Sociologia
  Corso: Sociologia
  Relatore: Marcella Delle Donne
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 171

Il primo accesso nell’Im-Mercato da parte dell’immigrato è rappresentato dalle rimesse. Gli ingenti flussi di rimesse monetarie in partenza dall’Italia negli ultimi anni (circa 2,5 miliardi di euro nel 2004) inducono una prima modificazione nella percezione dell’immigrato: non è più solo “uno straccione in cerca di lavoro” ma un lavoratore che guadagna e dispone di denaro da spendere, alla stregua di chiunque altro. Secondo importanti teorie sociali l’invio delle rimesse è la principale spesa dell’immigrato “Temporaneo” (o in una prima fase del progetto migratorio), ma mentre l’immigrato avanza nel processo d’integrazione, diminuisce l’invio delle rimesse ed aumenta l’acquisto di prodotti di consumo nel paese d’immigrazione. Ma questo processo non avviene automaticamente e, particolarmente nel caso italiano, (a causa della sua “implicita” politica d’immigrazione) abbiamo una resistenza dell’immigrato nel suo naturale processo d’integrazione e quindi nell’investire in consumi nel paese ospitante. Di conseguenza l’Im-Mercato elabora una strategia per integrare l’immigrato e dirottare così i suoi risparmi sempre più sul consumo nel luogo d’immigrazione piuttosto che sulle rimesse, considerate il frutto di un legame ancora forte con la sua patria.
Per far ciò utilizza la stampa etnica che non è più solo uno strumento d’espressione comunitaria ; quest’ultima infatti attraverso i suoi servizi di assistenza e consulenza sulle problematiche relative all’immigrazione favorisce l’inserimento dell’immigrato e nel contempo, attraverso la pubblicità da essa veicolata, incrementa il consumo di prodotti e servizi rivolti a questi ultimi. Il mercato finalizza prodotti editoriali ed informativi su argomenti d’interesse dell’immigrato (come il permesso di soggiorno, il decreto flussi, la richiesta di patente) all’acquisizione di un nuova fetta di mercato che le più recenti ricerche considerano un Target Extra potenzialmente superiore al cliente autoctono ed oggi più che mai indispensabile alla nostra economia di mercato.
Il mercato si dimostra così, in ultima istanza, determinante nel favorire l’immigrato nel tortuoso cammino d’integrazione e spesso supplente, con i suoi servizi informativi sulle norme in tema d’immigrazione, alle stesse istituzioni statali e regionali preposte. Questo processo d’integrazione funzionale al mercato, in Italia è esemplificato dall’operato della società Angelo Costa, che rappresenta il caso di studio preso in esame nella seconda parte della tesi.
La società Angelo Costa, partendo dal suo core business, l’ invio di rimesse tramite Western Union, ha riconosciuto per primo in Italia le potenzialità economiche della clientela immigrata ed in funzione di ciò ha diversificato la sua attività secondo le esigenze di questa nuovo soggetto.
Così crea la società “Stranieri in Italia” nata con l’ obbiettivo di informare gli immigrati sulle questioni che riguardano la loro condizione, come il permesso di soggiorno, i decreti flussi, il rilascio di documenti, l’assistenza sanitaria….
Il primo frutto di questa società, nata nel 2000, è il vademecum sull’ immigrazione, un libello in più lingue, che raccoglie e spiega tutte le leggi in tema d’ immigrazione con un linguaggio semplice e comprensibile per chi è appena giunto nel belpaese. Stranieri in Italia diventa anche editore e crea varie testate etniche rivolte alle diverse comunità di immigrati presenti in Italia con il fine, questa volta, di informarli anche su cronaca, politica ed eventi del paese d’ immigrazione e di origine. Questi giornali svolgono un ruolo chiave per l’integrazione dell’ immigrato poiché vengono distribuiti nei medesimi luoghi dove gli immigrati, si recano per inviare le rimesse a casa, agendo così, proprio sui soggetti più legati al paese d’appartenenza. Ovviamente la Angelo Costa non fa beneficenza, ed utilizza queste fonti di informazione per pubblicizzare (attraverso la sua concessionaria pubblicitaria “Etnocomunication” ) tutta una serie di prodotti/servizi rivolti alla clientela immigrata che vanno dai piani tariffari per l’ estero di Telecomitalia e Wind, alle assicurazioni sulla vita con rimpatrio della salma fino alle nuove carte di credito prepagate ed ai primi conti correnti bancari per stranieri.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
I Introduzione Questa tesi è nata dalla volontà di esplorare il campo della stampa etnica, per valutare se e in quale misura queste pubblicazioni, espressioni dell’identità comunitaria, favorissero l’integrazione dell’immigrato nella società ospitante. Osservando le varie pubblicazioni etniche nazionali, è stato inevitabile non soffermarsi su 20 di queste (la quasi totalità del campione osservato) che si distinguevano dalle altre per la omogeneità della edizione (carta, formato e grafica), per la medesima distribuzione su tutto il territorio nazionale (punti Western Union ed alcune edicole), per la durata di pubblicazione, vicina o superiore all’anno e per gli importanti inserzionisti pubblicitari nelle loro pagine. Queste testate ad una più attenta analisi sono risultate tutte riconducibili ad un unico soggetto: la società editrice Stranieri in Italia del gruppo Angelo Costa. Alcune testate sono edite direttamente dalle edizioni Stranieri in Italia, altre, invece ne sono solo distribuite ma tutte hanno come agenzia pubblicitaria la ISI Etnocomunication (sempre del gruppo Angelo Costa). Lo stesso operatore economico è risultato essere anche il primo agente italiano della Western Union, agenzia americana specializzata nei money transfer, e proprietario del marchio ISI, un franchising di centri servizi specifici per gli immigrati. A tal punto si è fatta strada nella mia mente l’idea che, considerata la situazione dei media etnici italiani, era possibile leggere questi ultimi più che come espressione delle singole comunità straniere, un mezzo atto ad acquisire, attraverso l’offerta pubblicitaria di prodotti e servizi, la nuova “clientela immigrata”. Pertanto il mio punto di osservazione si è spostato dai media (diventati solo una parte del fenomeno osservato) al nuovo “mercato d’immigrazione” che d’ora in poi chiameremo Im-Mercato. Tutto comincia dall’osservazione degli importanti flussi monetari inviati tramite le rimesse. L’Im-Mercato, considerata l’enorme quantità di denaro inviata tramite le rimesse, riconosce nell’immigrato, non più solo un individuo al quale offrire lavoro bensì un “cliente” al quale offrire una serie di prodotti e servizi. L’immigrato “Temporaneo”, come avremo modo di vedere, spende una minima

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi