Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

¿Se habla Español? Concetti-chiave della cultura chicana nel racconto Seven Veces Siete di Francisco Piña

La tesi analizza alcuni concetti-chiave della cultura chicana che vengono citati nel racconto "Seven Veces Siete" di Francisco Piña.
"¿Se habla Español?" racconta come i Chicanos, ovvero i cittadini statunitensi di origine messicana, siano passati da una ricerca identitaria basata sulla narrazione delle origini e dei simboli legati alla madre patria, alla costruzione di una nuova identità di frontiera, in-between, in cui non solo si supera la dicotomia di differenti narrazioni culturali, ma si va anche oltre l'identità di genere, si contaminano forme e stili artistici, si mischiano lingue. Infatti, alla giustapposizione dell'inglese, del castigliano e del nahuatl, tipica della prima generazione di autori chicani, si è arrivati a quella che molti chiamano una "nuova lingua", lo Spanglish, che dall'essere mezzo espressivo prevalentemente orale, negli ultimi anni appare sempre più frequentemente anche in testi letterari.
Il racconto tradotto ci offre un esempio di questo linguaggio.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Questa tesi propone la traduzione dallo spagnolo del racconto Seven Veces Siete di Francisco Piña (testo originale in Appendice 1), presente nell’antologia curata da Edmundo Paz Soldán e Alberto Fuguet Se habla español. Voces latinas en USA (Alfaguara, Miami 2000). Verranno inoltre analizzati alcuni concetti-chiave che emergono come suggestioni nel racconto di Piña e che contraddistinguono la cultura chicana negli Stati Uniti. Non si parlerà invece di tutta la vasta produzione letteraria chicana, se non per alcune citazioni secondarie riguardanti poesie degli anni ’60 e ’70 per la testimonianza che offrono rispetto all’uso di una “lingua di frontiera” nella quale si mescola inglese, spagnolo e, alcune volte, náhuatl e che porterà a quello che viene comunemente chiamato spanglish. 3

Laurea liv.I

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere Moderne

Autore: Renata Balducci Contatta »

Composta da 57 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1935 click dal 04/04/2007.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.