Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il gioco di ruolo come setting esperenziale. Vita, gioco, educazione: una transitività metaforica.

In un’epoca in cui l’espansione delle nuove tecnologie trova applicazione nei campi più disparati, non si può non notare come questi mezzi stiano influenzando, supportando e migliorando le metodologie di apprendimento, potenziando i processi formativi e concorrendo a sviluppare il senso di comprensione e tolleranza tra i diversi popoli, culture e religioni.
Uno di questi mezzi che sintetizza tutte le applicazioni sopra citate in un modo che potremmo definire “trasversale”, è sicuramente il gioco di ruolo.
I giochi di ruolo o role playing game sono un’attività libera, piena di fantasia, individualità, cooperazione e progettazione.
Leggere, narrare, inventare storie, immaginare, riferire, aiutano la conoscenza del sé, del mondo degli altri, di sé nel mondo e di sé con gli altri. I giochi di ruolo aiutano a migliorare le capacità espressive, le conoscenze storiche, letterarie, linguistiche ed aiutano l’apprendimento di quei valori fondamentali nella vita degli uomini.
Il primo capitolo illustra le origini della metodologia e del suo inventore, analizza le relazioni tra i concetti e le teorie del ruolo.
Il secondo, permette di sfiorare un mondo parallelo a quello reale, attraverso un excursus delle diverse versioni di gioco.
Il terzo capitolo descrive il contesto aziendale all’interno del quale è applicato il role playing e gli obiettivi di apprendimento cui tendere mediante l’utilizzo di questa tecnica e analizza le modalità di apprendimento degli adulti e la dimensione gruppale entro cui attivarle.
Nel quarto capitolo, viene affrontata la teoria del “ludendo docere” ossia “insegnare giocando”, che sembra un’utopia, ma è resa possibile grazie a un Master/insegnante creativo che applica le regole giuste e mette al centro dell’attività gli allievi.
Il quinto capitolo, infine, traccia le linee guida di un apprendimento attivo dei diritti fondamentali dell’uomo.
Quindi questa tesi si propone di illustrare e descrivere le caratteristiche peculiari di questa tecnica, il role playing game o gioco di ruolo nella traduzione italiana, al fine di valutarne le potenzialità effettive di applicazione.

Mostra/Nascondi contenuto.
7 INTRODUZIONE In un epoca in cui l espansione delle nuove tecnolo gie trova applicazione nei campi piø disparati, non si pu no n notare come questi mezzi stiano influenzando, supportando e migliorando le metodologie di apprendimento, potenziando i processi formativi e concorrendo a sviluppare il senso di comprensione e tolleranza tra i diversi popoli, culture e religioni. Uno di questi mezzi che sintetizza tutte le applicazioni sopra citate in un modo che potremmo definire trasversale , Ł sicu ramente il gioco di ruolo. I giochi di ruolo o role playing game sono un attivit libera, piena di fantasia, individualit , cooperazione e pr ogettazione. Leggere, narrare, inventare storie, immaginare, riferire, aiutano la conoscenza del sØ, del mondo degli altri, di sØ nel mondo e di sØ con gli altri. I giochi di ruolo aiutano a migliorare le capacit espressive, le conoscenze storiche, letterarie, linguistiche ed aiutano l apprendimento di quei valori fondamentali nella vita degli uomini. Il primo capitolo illustra le origini della metodologia e del suo inventore, analizza le relazioni tra i concetti e le teorie del ruolo. Il secondo, permette di sfiorare un mondo parallelo a quello reale, attraverso un excursus delle diverse versioni di gioco. Il terzo capitolo descrive il contesto aziendale all interno del quale Ł applicato il role playing e gli obiettivi di apprendimento cui

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Vitina Zaccagnino Contatta »

Composta da 174 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 15057 click dal 23/04/2007.

 

Consultata integralmente 14 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.