Skip to content

La pena di morte e i diritti umani nelle carceri turche. L'importanza delle relazioni con l'Unione Europea.

Informazioni tesi

  Autore: Rosalinda Ferraro
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2004-05
  Università: Università per stranieri di Perugia
  Facoltà: Lingua e Cultura Italiana
  Corso: Comunicazione Internazionale
  Relatore: Anna Loretoni
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 177

I diritti umani, dal punto di vista giuridico, sono un insieme di diritti che consuetudini e trattati internazionali attribuiscono, in linea di principio, ad ogni individuo, indipendentemente dalla cittadinanza, dal sesso, dalla religione, dalla condizione sociale e da altri fattori discriminanti. Essi vanno al di là dei diritti del cittadino, in quanto sono universali; e nemmeno coincidono con quelli dei popoli, poiché appartengono tutti all’individuo, anche quando, per loro natura, debbano essere esercitati in forma collettiva (si pensi, ad esempio, al diritto di sciopero).
Tuttavia, perché essi siano garantiti e tutelati, è necessario che gli Stati ne riconoscano l’importanza e che i loro ordinamenti interni li contemplino.
Assumendo come oggetto di studio il livello di tutela dei diritti umani in uno dei paesi più interessanti dello scenario politico internazionale attuale, ovvero in Turchia, questo elaborato ha lo scopo di far luce su come e in che misura un organismo internazionale quale l’Unione europea abbia potuto favorire il processo di adeguamento dello Stato turco alle norme internazionali sui diritti umani, sia a livello normativo che pratico; e di quanto ancora possa fare.
L’Unione europea, infatti, non è più solo un grande mercato, ma un importante organismo sovranazionale che ha costruito la propria identità sul primato dei valori democratici, divenendo baluardo dell’affermazione di una cultura di libertà, democrazia, tolleranza e rispetto dei diritti umani.
Al di fuori di questo schema, della condivisione di questi principi e obiettivi non si può far parte dell’Unione europea. Così, al fine di realizzare l’obiettivo di unificazione del continente in una stessa comunità di diritto che ne garantisca la pace, l’Unione ha studiato e realizzato delle politiche volte alla realizzazione del processo di allargamento.
La Turchia, paese islamico moderato, i cui livelli economici e politici sono lontani dalla media dei paesi membri dell’Unione europea, è caratterizzata da una debole democrazia, caratterizzata da notevole elementi autoritari. Nell’ultimo secolo, essa ha sviluppato un forte orientamento europeo. L’ambizione europeista l’ha condotta sulla via di un ampio programma di riforme al fine di soddisfare le richieste di maggiore democraticità e rispetto dei diritti umani.
Il caso dell’abolizione della pena capitale dall’ordinamento giuridico è indicativo dello sforzo che la Turchia sta facendo per adeguarsi alle richieste di maggiore rispondenza ai cosiddetti Criteri di Copenaghen.
Tuttavia, permangono diverse zone d’ombra. Il sistema carcerario e gli abusi che esso favorisce rappresentano la questione più spinosa e in riferimento alla quale si registrano meno progressi.
D’altra parte, se le riforme legislative sono l’inevitabile punto di partenza per il riconoscimento e la tutela dei diritti dell’individuo, è innegabile l’impegno della Turchia in questa direzione.
L’Unione europea, infatti, dopo quasi sei anni dal riconoscimento della Turchia quale paese candidato all’adesione, apre in questi giorni i negoziati.
Nell’ipotesi che lo Stato turco soddisfi pienamente i criteri a cui è subordinato il suo ingresso nell’Unione, esso dovrebbe poter occupare il suo posto nell’esclusivo club europeo. Questo, secondo quanto stabilito dall’Ue, non avverrebbe del 2004.
Ciononostante, questa storia potrebbe non avere l’happy end tanto agognato dalla leadership e da buona parte dell’opinione pubblica turca.
L’atteggiamento e le scelte dell’Unione europea sono la risultante di un complesso di volontà di paesi con culture, esperienze e obiettivi diversi. La sua forza si è sostanziata fino ad oggi nella capacità con cui gli Stati che la compongono sono riusciti a conciliare i loro interessi, ma il processo di integrazione europea sta attualmente vivendo una battuta d’arresto, seguita alla bocciatura referendaria della Costituzione Europea in alcuni importanti paesi dell’Unione.
Dato che l’ipotesi dell’adesione turca è tra le motivazioni che hanno generato il risultato negativo dei referendum, non si possono fare previsioni ottimistiche in riferimento alla sorte dei rapporti tra Turchia e Unione.
L’adesione di un paese come quello turco potrebbe, inoltre, essere deleteria per la stabilità e per l’approfondimento del processo di integrazione dell’Unione stessa, che deve affrontare le sfide dell’allargamento a venticinque.
Così, dopo un rapporto più che quarantennale tra la Turchia e l’Unione europea, fatto di balzi in avanti e improvvisi rallentamenti e arretramenti, e caratterizzato da continue richieste dell’Unione e reiterati sforzi da parte turca per soddisfare tali richieste, questo “matrimonio” potrebbe non farsi. E, paradossalmente, questa volta, il fallimento dei negoziati potrebbe essere causato da un’inadeguatezza dell’Unione europea.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE I diritti umani, dal punto di vista giuridico, sono un insieme di diritti che consuetudini e trattati internazionali attribuiscono, in linea di principio, ad ogni individuo, indipendentemente dalla cittadinanza, dal sesso, dalla religione, dalla condizione sociale e da altri fattori discriminanti. Essi vanno al di là dei diritti del cittadino, in quanto sono universali; e nemmeno coincidono con quelli dei popoli, poiché appartengono tutti all’individuo, anche quando, per loro natura, debbano essere esercitati in forma collettiva (si pensi, ad esempio, al diritto di sciopero). Tuttavia, perché essi siano garantiti e tutelati, è necessario che gli Stati ne riconoscano l’importanza e che i loro ordinamenti li contemplino. Assumendo come oggetto di studio il livello di tutela dei diritti umani in uno dei paesi più interessanti dello scenario politico internazionale attuale, ovvero in Turchia, questo elaborato ha lo scopo di far luce su come e in che misura un organismo internazionale quale l’Unione europea abbia potuto favorire il processo di adeguamento dello Stato turco alle norme internazionali sui diritti umani, sia a livello normativo che pratico, e di quanto ancora possa fare. Da una parte, dunque, mi concentrerò sulle lacune dello Stato turco in relazione al riconoscimento dei diritti umani e, con uno sguardo al passato e uno al presente, sulle forme di tutela oggi promesse ma non sempre concesse.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi