Skip to content

Djibril Diop Mambety

Informazioni tesi

  Autore: Giuseppe Castellucci
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Discipline dell'Arte, della Musica e dello Spettacolo
  Relatore: Orio Caldiron
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 120

Il territorio africano è stato durante l’ultimo secolo depredato della sua immagine e bombardato da immagini occidentali con lo stesso metodo con cui da ben più tempo, viene depredato delle proprie risorse, umane, agricole, minerarie; e riceve in cambio armi, rifiuti, prestiti e aiuti umanitari.
È certamente vero che il mondo dell'arte occidentale ha imparato ad ammorbidire e modificare il linguaggio offensivo e la metodologia oggettivante dei suoi discorsi etnografici e antropologici in relazione alle culture africane e non occidentali in genere. Eppure un certo determinismo razziale, accompagnato dalla richiesta di una dimostrazione di autenticità e di spettacolo, rimangono i criteri essenziali adottati dall'occidente per la convalida e l'accettazione dell'altro.
Da questa visuale, si intende trasportare la questione della differenza culturale ad un ordine simbolico che ambisce ad una sua riterritorializzazione attraverso forme di antagonismo e trasversalismo linguistico. Le strategie di sopravvivenza contemporanee scivolano verso un ordine transnazionale in cui il sistema globale ha ripartito spazi di erranza, di caos e di fuga per una soggettività in costruzione.
Quella contemporanea è, come più volte è stato detto, la civiltà delle immagini ma «è in realtà una civiltà del cliché in cui tutti i poteri sono interessati a nasconderci le immagini.». Nel caso del cinema in Africa e dall'Africa, questa affermazione è quattro volte vera, poiché le immagini che in tutto quel continente vengono prodotte arrivano raramente allo spettatore occidentale e spesso è solo per attirare la sua attenzione su un problema che affligge quei “poveretti laggiù”; un problema che svanisce con la fine del film, ma che colma la voglia di sentirsi buoni e di conoscere gli altri che lo spettatore occidentale, forse non proprio quello medio, ha. Si ha quasi l'impressione che l'Africa esista solo in quei documentari a sfondo sociale, poiché cambiamo canale o aspettiamo la fine del film ed ecco che l'Africa coi suoi problemi svanisce, torna ad essere un posto della fantasia in cui relegare i mali, da identificare con un passato che mai più tornerà o un posto a cui indirizzare la propria beneficenza o la propria pietà. D'altro canto in Africa sono i film americani e indiani ad andare per la maggiore e a riempire le sale, congestionando il mercato, fino a rendere impossibile o rara la visione dei pur molti film prodotti sul territorio. Il pubblico africano ha come l'impressione che i registi del suo continente non sappiano fare film, e questo perché il pubblico Africano non è per nulla diverso da quello degli altri posti e il suo sguardo e i suoi gusti sono totalmente condizionati dalle immagini che ad esso si impongono come migliori, più moderne, più accattivanti: il cinema d'azione americano, la commedia sentimentale indiana ecc.
IL colonialismo dell'immaginario comprende quindi anche il colonialismo dell'immagine, in base al quale le immagini prodotte in Africa pur con tanta fatica e dopo aver superato tante difficoltà, restano perlopiù invisibili negli stati d'origine e all'estero, al loro posto si impongono invece le scelte di mercato e le immagini delle grandi produzioni e distribuzioni internazionali.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
                                                                                                                                                                                                                                               ! " #                #                                              $                                                                    % &                    '          (                      ) * +       ,    ,  #      #       (       #                                          # -     .                                       #    /  #         ,      #       (                ,                                                          "    !          0 / 1  ,2   !33%*% % 4   1 52  0 1   !33! * ,6    7   89:% 8%

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

africa
antropocosmomorfismo
arte
attraversamento
badou
cinema
contras
franc
francofonia
hyenes
mambety
negritudine
neocolonialismo
reinvenzione
resistenza

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi