Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Djibril Diop Mambety

Il territorio africano è stato durante l’ultimo secolo depredato della sua immagine e bombardato da immagini occidentali con lo stesso metodo con cui da ben più tempo, viene depredato delle proprie risorse, umane, agricole, minerarie; e riceve in cambio armi, rifiuti, prestiti e aiuti umanitari.
È certamente vero che il mondo dell'arte occidentale ha imparato ad ammorbidire e modificare il linguaggio offensivo e la metodologia oggettivante dei suoi discorsi etnografici e antropologici in relazione alle culture africane e non occidentali in genere. Eppure un certo determinismo razziale, accompagnato dalla richiesta di una dimostrazione di autenticità e di spettacolo, rimangono i criteri essenziali adottati dall'occidente per la convalida e l'accettazione dell'altro.
Da questa visuale, si intende trasportare la questione della differenza culturale ad un ordine simbolico che ambisce ad una sua riterritorializzazione attraverso forme di antagonismo e trasversalismo linguistico. Le strategie di sopravvivenza contemporanee scivolano verso un ordine transnazionale in cui il sistema globale ha ripartito spazi di erranza, di caos e di fuga per una soggettività in costruzione.
Quella contemporanea è, come più volte è stato detto, la civiltà delle immagini ma «è in realtà una civiltà del cliché in cui tutti i poteri sono interessati a nasconderci le immagini.». Nel caso del cinema in Africa e dall'Africa, questa affermazione è quattro volte vera, poiché le immagini che in tutto quel continente vengono prodotte arrivano raramente allo spettatore occidentale e spesso è solo per attirare la sua attenzione su un problema che affligge quei “poveretti laggiù”; un problema che svanisce con la fine del film, ma che colma la voglia di sentirsi buoni e di conoscere gli altri che lo spettatore occidentale, forse non proprio quello medio, ha. Si ha quasi l'impressione che l'Africa esista solo in quei documentari a sfondo sociale, poiché cambiamo canale o aspettiamo la fine del film ed ecco che l'Africa coi suoi problemi svanisce, torna ad essere un posto della fantasia in cui relegare i mali, da identificare con un passato che mai più tornerà o un posto a cui indirizzare la propria beneficenza o la propria pietà. D'altro canto in Africa sono i film americani e indiani ad andare per la maggiore e a riempire le sale, congestionando il mercato, fino a rendere impossibile o rara la visione dei pur molti film prodotti sul territorio. Il pubblico africano ha come l'impressione che i registi del suo continente non sappiano fare film, e questo perché il pubblico Africano non è per nulla diverso da quello degli altri posti e il suo sguardo e i suoi gusti sono totalmente condizionati dalle immagini che ad esso si impongono come migliori, più moderne, più accattivanti: il cinema d'azione americano, la commedia sentimentale indiana ecc.
IL colonialismo dell'immaginario comprende quindi anche il colonialismo dell'immagine, in base al quale le immagini prodotte in Africa pur con tanta fatica e dopo aver superato tante difficoltà, restano perlopiù invisibili negli stati d'origine e all'estero, al loro posto si impongono invece le scelte di mercato e le immagini delle grandi produzioni e distribuzioni internazionali.

Mostra/Nascondi contenuto.
                                                                                                                                                                                                                                               ! " #                #                                              $                                                                    % &                    '          (                      ) * +       ,    ,  #      #       (       #                                          # -     .                                       #    /  #         ,      #       (                ,                                                          "    !          0 / 1  ,2   !33%*% % 4   1 52  0 1   !33! * ,6    7   89:% 8%

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Giuseppe Castellucci Contatta »

Composta da 120 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1087 click dal 04/04/2007.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.