Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Studio del campo di velocità di un getto circolare tramite tecnica Stereo PIV

Panoramica sulle tecniche PIV e Stereo PIV di ultima generazione basate sull'algoritmo di Soloff ed applicazione ad un getto circolare immesso in ambiente stagnante. Studio e confronto dei campi di velocità e delle grandezze statistiche in relazione a dati di letteratura e tra le varie tecniche di misura utilizzate.

Mostra/Nascondi contenuto.
Cap. 1 Il Getto 1.1 Introduzione Il getto, in particolar modo il getto assialsimmetrico, rappresenta un punto di riferimento nella ricerca sulla fisica della turbolenza, inoltre, a fini applicativi, gli studi si sono concentrati su tali flussi soprattutto per la comprensione di tutti i meccanismi inerenti la propulsione a getto, per prevedere il mescolamento, la combustione e la generazione di rumore da parte di tali propulsori. Oltretutto la teoria del getto trova applicazioni sia nella modellizzazione di taluni fenomeni atmosferici, sia nel dimensionamento degli iniettori di combustibile nelle camere di combustione. Proprio per tali motivi la bibliografia sul getto è vasta ed è quindi disponibile una grande quantità di dati con cui confrontare i risultati ottenuti nel presente lavoro. 1.2 Il getto libero Nello studio dei getti una grande attenzione si riserva al getto libero assialsimmetrico infatti, proprio per la simmetria lungo l’asse di propagazione e per l’assenza di interazioni con pareti circostanti, si possono applicare semplificazioni che rendono più semplice la risoluzione delle equazioni che regolano il fenomeno. Nel presente lavoro l’attenzione è stata posta su un getto che si immette in ambiente stagnante costituito dello stesso fluido. Quando un getto libero circolare viene immesso con velocità U 0 in una massa di fluido stagnante inizialmente si forma nella direzione di propagazione dello stesso, una zona dove la velocità resta pressochè invariata; tale zona, detta nucleo potenziale, assume forma conica e si estende per qualche diametro dall’uscita del convergente (Rajaratnam 1976). A distanze superiori la turbolenza generata lungo i margini del getto inizia a far diminuire la velocità assiale che decade 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Silvano Grizzi Contatta »

Composta da 175 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1108 click dal 04/04/2007.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.