Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

'Pictures of Non-Perfection': L'ambiguo wit di Jane Austen

Il wit di Jane Austen nei suoi molteplici e ambigui aspetti, soprattutto quello che a lungo è stato 'nascosto' dalla critica ufficiale, non aderente all'Establishement e che ora si sta riscoprendo.

Mostra/Nascondi contenuto.
7 Premessa Il mio argomento di tesi è il wit di Jane Austen nei suoi molteplici e ambigui aspetti. Ho scelto di parlare di questo tema perché le recenti critiche e biografie (in particolare la biografia di David Nokes) hanno evidenziato un lato della scrittrice inglese che a lungo è rimasto nascosto e addirittura sepolto. Fin dalla pubblicazione dei romanzi di Jane Austen, agli inizi dell’Ottocento, si è cercato di mascherare i lati oscuri della vita e del carattere dell’autrice, lati che inevitabilmente si riflettono e traspaiono dai romanzi e dalle lettere, queste ultime in parte censurate dai familiari. Il wit, lo spirito, l’arguzia, è la caratteristica che, assieme all’ironia, la parodia, la satira e tutte le differenti sfumature del riso, ha cercato di veicolare le emozioni nascoste della romanziera, il lato subversive e irridente che spesso ignora le convenzioni sociali ed il ‘decoro’, parola cara ai moralisti e ai contemporanei di Jane Austen. Il wit è il veicolo perfetto per questo tipo di operazione: già a partire dal suo significato, si rivela come un elemento ambiguo e sfuggente, a lungo la sua definizione è stata modificata nei secoli, fino ad arrivare ad oggi carica di contenuti. Esaminerò il wit austeniano nei suoi rapporti travagliati con la censura dei familiari, coloro che per primi hanno ‘modificato’ l’immagine della scrittrice, e con la società vittoriana. Arguzia e spirito che spesso in passato sono stati celati per favorire la visione distorta e aderente all’establishment della romanziera. Mi soffermerò poi sui soggetti presi di mira dai suoi motti arguti, dal riso a volte sardonico e a volte giocoso della Austen, per poi mostrare come i primi scritti, i cosiddetti Juvenilia, abbiano contribuito a ‘modellare’ il wit successivo dei romanzi. Ed infine prenderò in esame due elementi fondamentali: il dialogo e le eroine (ed anti-eroine) che sono i veri protagonisti del wit; senza di essi infatti

Tesi di Laurea

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere Moderne

Autore: Marina Mazza Contatta »

Composta da 160 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2788 click dal 12/04/2007.

 

Consultata integralmente 11 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.