Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il nuovo ruolo delle regioni in sanità: la regione holding

I vari processi di riforma che hanno accompagnato il Sistema sanitario italiano, a partire dalla prima riforma del ‘78, hanno progressivamente ampliato i poteri e le competenze in ambito sanitario a livello regionale, fino ad arrivare alla quasi completa attribuzione (cosiddetta devolution).
Questo processo ha fatto si che le regioni, sentendosi maggiormente responsabilizzate, siano state portate a modificare il proprio modello di governance in ambito sanitario: si parla in questo senso di regione holding. La regione holding è una regione che rispetto alle Aziende sanitarie sia locali che ospedaliere definisce le politiche, assegna gli incentivi, indica gli obiettivi, valuta i risultati [Zangrandi 1993]; è una regione che mira quindi a responsabilizzare le Aziende sanitarie lasciandole però al tempo stesso un certo livello di autonomia decisionale ed organizzativa.
Per assumere questo ruolo sono evidentemente necessarie delle competenze specifiche di cui spesso la regione o l’Assessorato alla sanità non dispongono: in questo senso va interpretata quindi la nascita delle Agenzie sanitarie locali, le quali hanno il compito di affiancare la regione nel proprio ruolo di “capogruppo”.
Nel presente lavoro vengono quindi inizialmente analizzati i singoli sistemi sanitari regionali attraverso lo studio delle diverse normative regionali per identificare il livello di responsabilizzazione raggiunto, dividendo tra regioni che hanno o non hanno istituito l’Agenzia; in secondo luogo le varie regioni vengono messe a confronto per evidenziare meglio le differenze nei diversi modelli regionali ed infine vengono prospettati i possibili scenari futuri.

Mostra/Nascondi contenuto.
Sintesi I vari processi di riforma che hanno accompagnato il Sistema sanitario italiano, a partire dalla prima riforma del ‘78, hanno progressivamente ampliato i poteri e le competenze in ambito sanitario a livello regionale, fino ad arrivare alla quasi completa attribuzione (cosiddetta devolution). Questo processo ha fatto si che le regioni, sentendosi maggiormente responsabilizzate, siano state portate a modificare il proprio modello di governance in ambito sanitario: si parla in questo senso di regione holding. La regione holding è una regione che rispetto alle Aziende sanitarie sia locali che ospedaliere definisce le politiche, assegna gli incentivi, indica gli obiettivi, valuta i risultati [Zangrandi 1993]; è una regione che mira quindi a responsabilizzare le Aziende sanitarie lasciandole però al tempo stesso un certo livello di autonomia decisionale ed organizzativa. Per assumere questo ruolo sono evidentemente necessarie delle competenze specifiche di cui spesso la regione o l’Assessorato alla sanità non dispongono: in questo senso va interpretata quindi la nascita delle Agenzie sanitarie locali, le quali hanno il compito di affiancare la regione nel proprio ruolo di “capogruppo”. Nel presente lavoro vengono quindi inizialmente analizzati i singoli Sistemi sanitari regionali attraverso lo

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Alessandro Pace Contatta »

Composta da 172 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6267 click dal 17/04/2007.

 

Consultata integralmente 19 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.