Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La flessibilità nel mercato del lavoro italiano

Elaborato che prende in considerazione i cambiamenti legislativi ed economici conseguenti al passaggio dal classico lavoro con posto fisso full-time al nuovo lavoro flessibile, a tempo determinato e/o part-time.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Il cambiamento di culture, schemi intellettuali e convinzioni politiche, è legato ai processi economico-produttivi e al connesso sviluppo socio-politico ed economico; si modificano così continuamente i modelli di vita a partire dalle determinazioni del rapporto di forza del conflitto capitale-lavoro. Dal secondo dopoguerra, lo sviluppo tecnologico ha provocato forti cambiamenti sia nel metodo di produzione, sia, più direttamente, nel mondo del lavoro. Si è avuto poi un altro importante cambiamento: si è passati dalla grande industria che accentrava al suo interno tutti i processi produttivi, ad un modello di decentramento produttivo. La messa diretta a produzione dell’informazione, la conoscenza, la creatività e delle risorse in genere del capitale intangibile offrono uno spunto al dibattito tra economisti, sociologi, politici e uomini di cultura, sulle conseguenze della nuova rivoluzione: toglierà lavoro, o piuttosto ne produrrà di nuovo e di che tipo? Jeremy Rifkin sostiene: “Entro il prossimo secolo, il lavoro di massa nell’economia di mercato verrà probabilmente cancellato in quasi tutte le nazioni industrializzate del mondo. Una nuova generazione di sofisticati computer e di tecnologie informatiche viene introdotta in un’ampia gamma di attività lavorative: macchine intelligenti stanno sostituendo gli esseri umani in infinite mansioni” 1 . Ma è nostra opinione che il lavoro non è finito, sta solo cambiando all’interno delle nuove regole della società salariale dell’era postfordista. Ma quale costi dovranno pagare il lavoratori per questo cambiamento, sui loro salari, sulle garanzie, sui diritti? Saranno coinvolti in un processo di 1 RIFKIN J., in particolare su questo argomento si veda il suo “Fine del lavoro”, Il declino della forza lavoro globale e l'avvento dell'era post-mercato, Baldini & Castoldi, Milano, 1997.

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Simone Sarti Contatta »

Composta da 115 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7231 click dal 17/04/2007.

 

Consultata integralmente 19 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.