Skip to content

Gli USA e la difesa strategica: da Ronald Reagan a George W. Bush

Informazioni tesi

  Autore: Simona De Marzo
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2003-04
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze Internazionali e Diplomatiche
  Relatore: Mario Del Pero
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 209

Il presidente Ronald Reagan nel 1983, manifestò l’intenzione d’intraprendere una programma di difesa strategica, la Strategic Defense Initiative (SDI), che avrebbe dovuto offrire una via d’uscita dall’incubo nucleare e dalla logica della deterrenza, che aveva contribuito a mantenere la pace per quasi quarant’anni. Qualora fosse stato dispiegato il sistema avrebbe cambiato radicalmente gli equilibri politico-strategici. Questo annuncio scatenò un acceso dibattito all’interno degli Stati Uniti e nella comunità internazionale che si concentrò sugli effetti di tale programma sulle relazioni con l’URSS, sulla corsa agli armamenti, sulla compatibilità con il Trattato ABM, sugli effetti sulla NATO e sulla possibilità che questo programma aveva di essere effettivamente dispiegato. L’amministrazione di George W. Bush, dopo circa vent’anni, ha deciso d’intraprendere lo stesso programma, seppure in forma più modesta, scatenando un dibattito egualmente acceso (soprattutto per la decisione statunitense, annunciata il 13 dicembre 2001, di ritirarsi dal Trattato ABM). Mentre durante la guerra fredda la minaccia proveniva dall’ex Unione Sovietica, oggi essa sarebbe costituita dai cosiddetti “stati canaglia”. In sostanza, si tratterebbe della stessa risposta per due tipi di minaccia notevolmente differenti in un contesto internazionale che nel frattempo si è tramutato da bipolare in unipolare. Tuttavia, gli eventi dell’11 settembre 2001, sembrano aver permesso all’amministrazione Bush di ritagliare un nuovo compito alla difesa antimissilistica all’interno di una triade strategica. Non si tratta più, dunque, della grande alternativa alla deterrenza proposta da Reagan, quanto di un complemento dell’offesa.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione Le “Star Wars” di Reagan furono lanciate con l’obiettivo d’inaugurare una nuova era nel campo della difesa americana. L’impresa, qualora fosse riuscita, sarebbe stata rivoluzionaria. I presupposti sui quali si era basata la sicurezza dell’Occidente sarebbero stati sostituiti, alla fine, da un nuovo assetto difensivo che avrebbe riportato, a detta del Presidente Reagan, la pace nel contesto internazionale. Nonostante tale obiettivo non sia stato raggiunto, a distanza di vent’anni e l’intervento di enormi cambiamenti nel contesto internazionale, il cosiddetto “scudo spaziale” ricopre ancora un ruolo importante nella concezione di difesa e di sicurezza statunitense. Durante questo periodo, non solo è terminata la Guerra Fredda, ma è anche crollata l’Unione Sovietica e con essa il contesto bipolare che aveva caratterizzato le relazioni internazionali per quasi cinquant’anni. Infine, dopo l’11 settembre 2001 è crollata la convinzione dell’inviolabilità statunitense. Lo scudo spaziale è difficile venga dispiegato nell’immediato futuro, ma ha dominato sino agli attacchi terroristici dell’11 settembre, il dibattito politico statunitense. Dopo l’11 settembre, la presidenza di George W. Bush gli ha ritagliato un ruolo in un contesto internazionale notevolmente stravolto. Di fatto, sono saltati i presupposti della concezione di difesa americana. L’inviolabilità è stata messa in discussione. Inoltre, si è interpretata la solidarietà internazionale, scaturita dagli attacchi e l’appello dell’amministrazione Bush alla lotta contro il terrorismo internazionale, come un ritrovato multilateralismo. In realtà - come ha dimostrato la mancata presa in considerazione della risoluzione delle Nazioni Unite in merito all’intrapresa della seconda guerra del Golfo - l’unilateralismo non è stato mai accantonato. Esso è stato motivato da una necessità ormai evidente (il bisogno di una sicurezza, non più scontata), da una missione morale (la lotta al

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

bmds
george w. bush
ronald reagan
scudo spaziale
sdi
strategic defense

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi