Skip to content

Autotutela nell'ordinamento tributario

Informazioni tesi

  Autore: Gilberto Pandolfi
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia aziendale
  Relatore: Enrico Fazzini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 72

Negli ultimi anni, abbiamo assistito ad un periodo storico che ha visto il Fisco italiano in costante, diretta contrapposizione con il contribuente.
La farraginosità delle norme fiscali, introdotte nel sistema in modo confuso ed asistematico, il contenuto e la portata delle stesse, hanno prodotto una evasione fiscale di portata eccezionale nonché una elusione che ha messo a dura prova la capacità del legislatore di contrastarla conducendo, tra l'altro, ad una stretta fiscale nei confronti dei ceti medi sempre più sproporzionata e irrealistica per un paese civile.
Questa situazione ha portato ad un aumento esponenziale delle controversie tra Fisco e contribuente che ha congestionato, fino quasi a soffocare, il sistema del contenzioso tributario, rendendo necessaria una radicale riforma che investisse non solo il processo tributario, ma tutto il sistema di rapporti tra Amministrazione Finanziaria e contribuente.
Il legislatore, al fine di ridurre progressivamente il numero dei ricorsi giacenti presso le commissioni tributarie , ha favorito una serie di procedure di indiscussa utilità, volte, sostanzialmente, alla ''deflazione del contenzioso'' nell'ambito di un quadro di politica legislativa proiettato sullo sfondo di una definizione ''partecipata'' da parte del contribuente alla gestione del sistema tributario.
Fondandosi su una visione più duttile e democratica dell'attività amministrativa, gli istituti specificatamente diretti ad una rapida prevenzione e definizione delle controversie affiancandosi a quelli partecipativi determinano un'importante evoluzione nel senso di un mutamento di mentalità complessivo delle parti del rapporto, segnando il passaggio da una visione sostanzialmente conflittuale dello stesso ad un nuovo assetto improntato, tendenzialmente, alla collaborazione e fiducia reciproca, in modo da contemperare l'interesse fiscale e il diritto del contribuente ad essere tassato secondo la legge.
Nell’ottica di un amministrazione fiscale snella ed orientata al cittadino, tali istituti amministrativi, i cosiddetti “strumenti deflativi del contenzioso”, permettono di concordare soluzioni conciliatorie e di prevenire le liti in materia tributaria, inoltre, essi costituiscono una soluzione economicamente vantaggiosa tanto per l’amministrazione quanto per il contribuente e mirano ad evitare che si intraprenda la strada del contenzioso, che spesso è lunga e laboriosa.
L’interesse verso l’istituto dell’autotutela è nato principalmente dalla necessità di porre un freno alla crescita smisurata del contenzioso tributario che, accompagnata alla lentezza con cui si affrontano le relative controversie, ha vanificato sia le esigenze del cittadino di vedere riconosciuti i propri diritti sia quelle dell’amministrazione di recuperare somme effettivamente dovute all’erario.
La riluttanza del fisco ad annullare i propri atti è stata alimentata, invece, sia dalla mancanza di riferimenti normativi al potere di annullamento di provvedimenti già notificati, sia dalla presunta inapplicabilità in materia tributaria dei principi dell’autotutela amministrativa: ciò nell’erroneo convincimento di una incompatibilità fra autotutela tributaria e amministrativa.
Un ruolo non secondario nello scarso utilizzo dell’autotutela hanno svolto, inoltre, il timore di un’azione per danno erariale dinanzi alla Corte dei Conti, più volte paventata dalla stessa pubblica amministrazione, nonché quel certo congenito immobilismo tipico di ogni organizzazione burocratica.
Sennonché, in questi ultimi quindici anni vi sono stati interventi legislativi che hanno segnato un’inversione di rotta e una rivalutazione dell’autotutela, confermando l’istituto suddetto come un principio generale del nostro ordinamento; l’intento è stato anche quello di instaurare nuovi rapporti tra fisco e contribuenti, ispirati a principi di trasparenza e collaborazione.
La prima norma che si occupa dell’istituto è l’articolo 68 del D.P.R. 27.3.1992, n. 287, essa si rivolge agli uffici ed attiene al riconoscimento del potere di autotutela, ma recentemente è stata abrogata dalle norme che rinnovano l’organizzazione del Ministero delle Finanze ; la seconda, l’art. 2 quater della L. 30.11.1994, n. 656 attribuisce al principio di autotutela il “rango” di norma primaria e prevede criteri di economicità in base ai quali l’amministrazione può rinunciare ad iniziare o a proseguire la pretesa tributaria, infine il D.M. 11.2.1997 n. 37,finalizzato a delineare i caratteri e ad individuare i confini di applicazione per l’esercizio dell’autotutela nel settore tributario.
Anche la prassi amministrativa e la giurisprudenza hanno dato un forte impulso all’applicazione di tale istituto nel settore tributario.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
6 INTRODUZIONE Negli ultimi anni, abbiamo assistito ad un periodo storico che ha visto il Fisco italiano in costante, diretta contrapposizione con il contribuente. La farraginosità delle norme fiscali, introdotte nel sistema in modo confuso ed asistematico, il contenuto e la portata delle stesse, hanno prodotto una evasione fiscale di portata eccezionale nonché una elusione che ha messo ha dura prova la capacità del legislatore di contrastarla conducendo, tra l'altro, ad una stretta fiscale nei confronti dei ceti medi sempre più sproporzionata e irrealistica per un paese civile. Questa situazione ha portato ad un aumento esponenziale delle controversie tra Fisco e contribuente che ha congestionato, fino quasi a soffocare, il sistema del contenzioso tributario, rendendo necessaria una radicale riforma che investisse non solo il processo tributario, ma tutto il sistema di rapporti tra Amministrazione Finanziaria e contribuente. Il legislatore, al fine di ridurre progressivamente il numero dei ricorsi giacenti presso le commissioni tributarie , ha favorito una serie di procedure di indiscussa utilità, volte, sostanzialmente, alla ''deflazione del contenzioso'' nell'ambito di un quadro di politica legislativa proiettato sullo sfondo di una definizione ''partecipata'' da parte del contribuente alla gestione del sistema tributario.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

contribuenti
fisco
ordinamento tributario

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi