Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La costruzione sociale di politiche del lavoro attive: la risposta istituzionale alle nuove incertezze

Le politiche del lavoro

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione Il tentativo di compiere un’analisi sociologica dei principali cambiamenti che attualmente investono il mercato del lavoro nelle sue molteplici sfaccettature nasce dall’intento di raffigurare lo scenario odierno alla luce della ristrutturazione produttiva, della corrente destrutturazione dei meccanismi di integrazione sociale consolidati e della progressiva de-standardizzazione dei corsi di vita. Questo elaborato muove dalla considerazione del significato che assume il lavoro in un contesto in balia della flessibilità e di crescenti rischi di precarizzazione. In un quadro di inedita vulnerabilità sociale, la rivalutazione delle facoltà strategiche dell’attore-artefice – che fa fronte alla corrente de-strutturazione dei modi socialmente legittimati di scansione del percorso esistenziale, di assunzione progressiva di responsabilità, di divisione del lavoro fra generi e generazioni – spetta alle istituzioni, alle quali compete la promozione di un dibattito attento agli effetti dell’assenza del lavoro e dell’atipicità di nuovi e alternativi profili lavorativi.

Laurea liv.I

Facoltà: Sociologia

Autore: Maria Ricciardi Contatta »

Composta da 70 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1158 click dal 04/05/2007.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.